Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pmi, rating per i finanziamenti

Una spinta al rating pubblico per favorire i percorsi di crescita dimensionale delle pmi attraverso l’accesso a strumenti di debito e di equity. Grazie a una valutazione pubblica dell’impresa, effettuata da un soggetto riconosciuto dall’autorità europea competente in materia (Esma), che ne certifica il grado di solidità economico-finanziaria. Queste le finalità del protocollo d’intesta siglato da Confindustria e Cerved focalizzato su un sistema di rating espressamente rivolto alle piccole e medie imprese e alle società non quotate. Nello specifico, questo accordo mira a informare il sistema imprenditoriale sui benefici derivanti dall’adozione di un rating pubblico, valorizzando, anche mediante incontri, eventi e percorsi formativi, il ruolo di questo strumento per lo sviluppo e la crescita delle imprese italiane. «Con questo accordo», commenta Gianandrea De Bernardis, amministratore delegato di Cerved, «uniamo le nostre forze con quelle di Confindustria perché siamo consapevoli che il rating, fino a qualche anno fa una prerogativa solo delle large corporate quotate in borsa, rappresenta un importante strumento per migliorare l’accesso ai canali tradizionali e innovativi del credito». Il rating pubblico (si veda box in pagina) permette all’azienda di disporre di una valutazione pubblica, emessa da un soggetto riconosciuto dall’autorità europea competente in materia (l’Esma, come detto), che ne certifica il grado di solidità economico-finanziaria. La disponibilità del rating per le pmi e le società non quotate rappresenta uno strumento di comunicazione strategica per chi, grazie alla migliore reputazione creditizia che ne deriva, vuole dialogare in modo diverso con i propri finanziatori tradizionali, banche o altri partner commerciali. Il protocollo ha l’obiettivo di informare il sistema tradizionale sui benefici dell’adozione di un rating pubblico finalizzato all’accesso a strumenti di debito con orizzonti temporali di medio periodo, di valorizzare anche mediante l’eventuale reciproco coinvolgimento in incontri, eventi e percorsi normativi, il ruolo svolto dal rating pubblico per favorire la crescita dimensionale delle imprese italiane, attraverso l’accesso a strumenti di debito e equity. Inoltre il protocollo permette di valutare la definizione di progetti congiunti che possano aiutare le imprese, tramite il patrimonio informativo del Cerved, ad aumentare la propria competitività sui mercati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa