Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pmi, punteggio per le garanzie sul credito

Nuovi modelli di scoring del fondo di garanzia Pmi per l’analisi del merito creditizio delle imprese. I formulari assegnano automaticamente un punteggio all’impresa, in una scala da 1 a 3 (dove 1 è il risultato migliore). Se il risultato è fascia 3, sarà impossibile presentare richiesta di garanzia al fondo statale. Se il risultato è di fascia 1 o 2, diventa possibile ottenere la copertura per i finanziamenti bancari; ma questo non comporterà automaticamente l’ammissibilità alla garanzia. In quanto, nell’ambito della valutazione, dovranno essere considerate specifiche condizioni aggiuntive previste dalle procedure di ammissione. Una nota tecnica dei giorni scorsi del Medio credito centrale ha informato i richiedenti garanzia dello stato dei nuovi modelli di scoring. Questi devono essere compilati dai richiedenti (banche, confidi o altri intermediari) nell’ambito della presentazione della richiesta di ammissione. Il modello usato nelle simulazioni sarà scelto in base al regime di contabilità e al settore dell’impresa richiedente il finanziamento. In ogni caso, per compilare i modelli occorrerà inserire i dati contabili degli ultimi due bilanci approvati, per le imprese in contabilità ordinaria, o delle ultime due dichiarazioni fiscali, per le imprese in contabilità semplificata).Per ciascuna fascia di valutazione le nuove disposizioni operative Mcc prevedono diverse indicazioni.

Fascia 1. Per la prima fascia di valutazione (cd. positiva), i modelli di scoring valuteranno quanto segue:

– nel caso delle operazioni di oltre 18 mesi, il rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale e cash flow dell’impresa;

– la situazione di bilancio aggiornata a data recente, ove necessaria;

– l’andamento dei seguenti indicatori: fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizi, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo e utile d’esercizio.

Fascia 2. Per la seconda fascia di valutazione (cd. positiva) i modelli di scoring esamineranno quanto segue:

– nel caso di operazioni di durata superiore a 18 mesi, il rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale e cash flow dell’impresa;

– la situazione di bilancio aggiornata a data recente, ove necessaria;

– l’andamento dei seguenti indicatori: fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizi, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo e utile d’esercizio/fatturato;

– l’eventuale progetto di investimento;

– le prospettive di mercato e di crescita dell’impresa;

– il portafoglio ordini;

– una relazione del soggetto richiedente la garanzia sul finanziamento, contenente le proprie valutazioni sull’impresa e sul progetto di investimento;

– le precedenti ammissioni al fondo di garanzia pmi, regolarmente definite.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa