Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pmi, Fondo di garanzia hi-tech

A disposizione della banche e dei confidi dal 10 marzo la nuova piattaforma informatica del fondo di garanzia Pmi e i nuovi modelli di valutazione delle imprese e dei professionisti per il calcolo dello scoring e per la verifica della fascia di appartenenza. In un’apposita area ad accesso riservato del sito internet del fondo di garanzia Pmi rubricato «normativa e procedure per banche e confidi» gli istituti di credito e i confidi possono presentare e gestire la domanda di garanzia per le Pmi e per il mondo professionale. Il fondo di garanzia per le Pmi è destinato alle imprese e ai professionisti valutati «economicamente e finanziariamente sani» sulla base di criteri di valutazione che variano a seconda del settore di attività e del regime contabile dell’impresa o del professionista beneficiario. La valutazione del merito di credito ha ad oggetto i dati di bilancio (o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi due esercizi, tranne che per le start up che possono essere valutate sulla base di bilanci previsionali. Esistono diversi modelli in funzione dei settori (industria e attività manifatturiere, edilizia, servizi, agricoltura, autotrasporto), della contabilità (ordinaria e semplificata) e dell’attività professionale. Il MiSe – direzione generale per l’incentivazione della attività imprenditoriali – ha messo a disposizione delle banche e i confidi il nuovo canale informatico e la nuova modulistica per la valutazione con lo stesso indirizzo web (www.fondodigaranzia.it). Il tutto aggiornato con le nuove disposizioni operative integrate dal decreto del ministro dello sviluppo economico, di concerto con il ministro dell’economia e delle finanze, del 27 dicembre 2013 (pubblicato sulla gazzetta ufficiale dell’ 8 marzo 2013, supplemento ordinario n. 18). In base ai risultati l’impresa è inserita in una delle tre fasce di valutazione: fascia 1 (proposta positiva al comitato previa valutazione istruttoria del rapporto tra ammontare del finanziamento e cash flow dell’impresa), fascia 2 (che prevede sempre la necessità di valutare l’ammissione caso per caso ad esempio, oltre che del cash flow dell’impresa, di una situazione di bilancio aggiornata, di eventuali progetti di investimento, delle prospettive di mercato e di crescita dell’impresa) e fascia 3 (proposta negativa al comitato). I nuovi modelli di valutazione utilizzati per il calcolo dello scoring e per la verifica della fascia di appartenenza dell’impresa beneficiaria o del professionista sono i seguenti:

– modello A riservato alle imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria, manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietarie dell’immobile) pesca e piscicoltura;

– modello B per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori del commercio ed alberghi (società alberghiere locatarie dell’immobile);

– modello G, imprese in contabilità semplificata o forfettaria e studi professionali;

– modello I riservata alle imprese di autotrasporto in contabilità ordinaria, I2 per quelle in regime semplificato;

– modello L1 per le imprese agricole in contabilità ordinaria e L2 per quelle in regime di contabilità semplificata.

Dal 10 marzo il fondo di garanzia è stato aperto al mondo professionale. Possono accedere infatti al nuovo fondo di garanzia Pmi i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal ministero dello sviluppo economico (legge n. 4/2013) e in possesso delle relative attestazioni. Le operazioni finanziarie relative ai professionisti sono ammesse alla garanzia del fondo entro il limite massimo di assorbimento delle risorse complessive non superiori al 5%. La valutazione dei professionisti viene effettuata su due indici calcolati sui dati contabili riportati nelle due ultime dichiarazioni fiscali (modello «unico») presentate.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa