Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più tutele per i professionisti

Clausole che minano l’equità dei compensi professionali con «i bastoni tra le ruote»: saranno, infatti, «nulle» quelle che (non rispettando i parametri fissati per gli iscritti ad Ordini e Collegi e per i lavoratori autonomi riuniti in Associazioni) non contemplano una remunerazione giusta e proporzionata all’opera prestata, tenendo conto anche dei costi affrontati da chi l’ha eseguita. E, a dover garantire corresponsioni adeguate per i servizi ricevuti saranno imprese bancarie e assicurative e società che, nell’anno precedente al conferimento dell’incarico, avevano più di 50 lavoratori dipendenti, o con ricavi annui superiori a 10 milioni di euro. È quel che prevede il testo uscito dalla commissione Giustizia della Camera (3179) che mira a «stringere i bulloni» sulla disciplina dell’equo compenso (legge 172/2017), e che ieri mattina è approdato in Aula, in vista dell’avvio delle votazioni la prossima settimana; il provvedimento, costituito da 12 articoli, porta la prima firma della leader di FdI Giorgia Meloni, e riunisce le iniziative siglate dai deputati della Lega e di Fi Jacopo Morrone e Andrea Mandelli.

Protagonisti della disciplina gli iscritti a ordini e collegi: per gli avvocati, si legge, si applicano le remunerazioni previste dal decreto del ministero della giustizia emanato in virtù delle disposizioni della riforma forense (247/2012), per tutti gli altri valgono i decreti ministeriali adottati a seguito della legge sulle Liberalizzazioni e la concorrenza (27/2012). Inclusi, a seguito del voto sugli emendamenti, i professionisti non regolamentati (legge 4/2013), per i quali occorrerà emanare un decreto del ministero dello Sviluppo economico entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge e, a seguire, «con cadenza biennale, sentite le associazioni» delle varie categorie. Com’è possibile osservare dalla tabella nella pagina, sul fronte degli indennizzi arrivano nuove tutele. E gli ordini sono anche «legittimati ad adire l’autorità giudiziaria competente, qualora ravvisino violazioni delle disposizioni» in merito alla legge.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Carlos Tavares sorprende il mercato e, in un momento non facile per l’auto, migliora in misura si...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nexi e Alpha Services and Holdings, capogruppo della greca Alpha Bank, hanno avviato una partnershi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Senza infamia, ma anche senza lode. Il mondo della banche italiane esce sostanzialmente indenne dai...

Oggi sulla stampa