Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più tempo per cedere le quattro banche Il Tesoro: entro settembre  

Una partita difficile da chiudere in volata, nonostante la corsa per riportare a nuova vita Banca Etruria, Carife, Banca Marche e CariChieti. Lo aveva detto qualche giorno fa il presidente delle «good bank» Roberto Nicastro indicando a fine estate il termine per la vendita inizialmente auspicata in primavera. Lo conferma il ministero dell’Economia in una lettera inviata ai manager dei quattro istituti, dopo una ricostruzione de «Il Fatto Quotidiano» sulla richiesta perentoria inviata da Margrethe Vestager, commissario Ue alla Concorrenza, al ministro degli esteri Paolo Gentiloni, di vendita entro il 30 aprile. La scadenza è contenuta in una memoria difensiva che Bankitalia ha depositato al Tar del Lazio per un ricorso, discusso il primo marzo 2016, della Fondazione Cr di Jesi, azionista di Banca Marche, contro la risoluzione. Scrive il ministero guidato da Pier Carlo Padoan: «Si precisa che il termine entro il quale le autorità italiane ritengono si possa concludere l’iter di cessione può essere individuato indicativamente nel mese di settembre 2016. La Commissione europea aveva inizialmente indicato quale scadenza la fine di aprile ma le autorità italiane e la Commissione stanno lavorando per la proroga di tale termine».

Il confronto con Bruxelles viene definito «disteso e collaborativo» da chi segue le relazioni con la Ue, mentre Nicastro lavora all’«information memorandum» che sarà reso noto dopo Pasqua. Il documento dovrebbe contenere le indicazioni sulle offerte preliminari confermate da parte di banche italiane, banche estere e private equity. Non è per il momento possibile stabile se la vendita sarà avviata in blocco o banca per banca. E a quale prezzo. Fonti vicine all’ex direttore generale di Unicredit chiamato alla presidenza delle quattro banche lo scorso 21 novembre indicano comunque come «possibile il traguardo dell’estate». In una nota diffusa all’inizio della settimana, Nicastro ha reso noto che da novembre le quattro nuove banche hanno concesso oltre 24 mila fidi alle piccole imprese e oltre 7 mila mutui di cui circa 3 mila destinati alle famiglie.

Paola Pica

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa