Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più spazi al coniuge superstite

Nella successione legittima spettano al coniuge superstite i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano (nel rispetto dei presupposti dell’art. 540, secondo comma, cc); il valore di tali diritti, però, deve essere stralciato dalla massa ereditaria (secondo un meccanismo assimilabile al prelegato), per poi procedere alla divisione del resto dei beni secondo le quote a ciascuno attribuite dalle norme della successione legittima medesima. Questa è la conclusione cui è giunta la Suprema corte di cassazione, con sentenza a sezioni unite del 27 febbraio 2013 n. 4847, la quale ha così ricomposto un contrasto interpretativo già precedentemente evidenziato (Cass. 13 marzo 1999 n. 22639). La questione di diritto, però, presuppone il superamento di alcune problematiche giuridiche.

Dapprima, la Cassazione riconferma l’orientamento dominante in dottrina e giurisprudenza secondo cui, nella successione legittima, spetterebbero al coniuge superstite i diritti di abitazione e di uso previsti dall’art. 540, secondo comma, cc, nonostante gli artt. 581 e 582 cc non richiamino la suddetta norma. Si veda, per esempio, Cass. 13 marzo 1999 n. 22639, la quale ritiene «indubitabile l’estensione dei diritti di abitazione e uso al coniuge nella successione legittima», in quanto l’eventualità che il coniuge putativo (come dispone l’art. 584 cc) possa godere di un trattamento diverso e più favorevole rispetto al coniuge legittimo sarebbe contraria al principio di eguaglianza.

Successivamente, resta da decidere se i diritti di abitazione e uso siano da calcolare all’interno della quota di successione legittima spettante al coniuge superstite oppure siano un di più rispetto alle quote determinate dai su citati artt. 581 e 582 cc.

La sentenza in commento aderisce a questa seconda interpretazione, affermando che i diritti di abitazione e uso «devono essere riconosciuti pienamente, avuto riguardo alla già evidenziata volontà del legislatore, che ha introdotto la legge 19 maggio 1975 n. 151, di attribuire al coniuge superstite una specifica tutela del suo interesse alla continuazione della sua permanenza nella casa adibita a residenza familiare durante il matrimonio anche dopo la morte dell’altro coniuge».

Da un punto di vista pratico, infine, il valore capitale di detti diritti dovrà essere stralciato dalla massa ereditaria, secondo un meccanismo assimilabile al prelegato; quindi, gli eredi provvederanno a dividere il resto del patrimonio che comprenderà tutti i restanti beni, nonché la nuda proprietà della casa adibita a residenza familiare e dei mobili che la corredano

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa