Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più segnalazioni

Volano le segnalazioni antiriciclaggio. Ma non tra i professionisti, eccezion fatta per i notai, che nel 2012 hanno quasi decuplicato le comunicazioni, anche grazie all’anonimato garantito dal protocollo del 2009 con l’Uif. Lo scorso anno le segnalazioni di operazioni sospette (Sos), incluse quelle di finanziamento del terrorismo, sono state in totale 67.047, il 37% in più rispetto alle 49.075 del 2011 e 30 mila in più che nel 2010. È quanto emerso ieri in un convegno organizzato a Milano dall’Associazione sindacale dei notai della Lombardia e dal consiglio notarile meneghino. «Le fattispecie più ricorrenti tra le segnalazioni dei professionisti riguardano compravendite immobiliari e cessioni di quote», osserva Maria Benedetta Bastioni, funzionario Uif, «oltre a registrare l’incremento del numero avvertiamo anche un miglioramento qualitativo delle segnalazioni.

Appena il 5% delle Sos viene archiviato e tra quelle dei professionisti il dato più recente è del 7%, contro il 60% del 2007». Nel biennio 2010-2011 su 18 mila Sos trasmesse alla Gdf per ulteriori analisi il 46% è stato poi direttamente utilizzato nelle attività di indagine. Nel 2012 per ora è il 33%. «Il passaggio di denaro attraverso le banche è ciò che rende vulnerabili i riciclatori», spiega Giuseppe Sopranzetti, direttore della sede milanese di Bankitalia, «per questo stiamo intensificando i controlli presso gli istituti e con accessi ad hoc agli sportelli». Secondo Danilo Persano, comandante sezione investigativa antiriciclaggio del Nucleo di polizia valutaria della Gdf di Milano, «il riciclaggio accertato è pari a 6,3 mld di euro e si concentra prevalentemente in Lazio (2,56 mld), Lombardia (886 mln) e Campania (467,5 mln)». Eugenio Fusco, procuratore di Busto Arsizio, evidenzia come «tra il 2009 e il 2012 per il reato di riciclaggio sono state arrestate 413 persone e altre 133 per l’impiego di denaro di provenienza illecita. Andrebbero tuttavia introdotte norme che puniscano più severamente l’appropriazione indebita in ambito societario e il falso in bilancio». Domenico Chiofalo, presidente dell’Associazione sindacale dei notai lombardi, auspica invece procedure «che consentano di restringere sempre di più il margine discrezionale nelle valutazione delle operazioni». «Solo pochi mesi fa qualcuno proponeva di poter creare soggetti di diritto (le srl semplificate) senza alcun filtro all’utilizzo di false identità», chiosa Arrigo Roveda, presidente del Consiglio notarile di Milano, «invece la battaglia al riciclaggio richiede interventi normativi coerenti».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa