Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più iscritti al club del bitcoin Aumenta il rischio riciclaggio

La scelta di Malta di entrare ufficialmente nel club a quattro delle giurisdizioni “amiche” delle criptovalute – aggiungendosi a Svizzera, Corea del Sud ed Estonia, unici paesi ad aver creato sinora un ecosistema normativo per bitcoin&C – ripropone il tema di “rischi&opportunità” degli asset legati alle tecnologie blockchain. Uno dei mantra del nuovo mondo digitale, che a differenza del web securizza e anonimizza tutti i dati che produce, riguarda appunto il massimo rispetto della privacy di chi opera. Un problema non da poco, si può facilmente intuire, per le amministrazioni fiscali e soprattutto per le autorità del network mondiale dell’antiriciclaggio.
Già dall’ottobre 2013, quando l’Fbi concluse l’operazione Silk Road – sito di commercio elettronico del dark web in cui si trafficava droga pagata (solo) in bitcoin – è emersa chiaramente l’inevitabile utilizzabilità delle criptovalute anche per fini criminali. Da allora la Securities exchange commission e la Commodity futures trading commission americane sono più volte intervenute con provvedimenti regolatori sulle valute virtuali utilizzate in vari schemi di titoli, sulle Ico (Initial coin offering) non registrate e fraudolente, su piattaforme non registrate e per dichiarazioni false e fuorvianti da parte di società quotate in borsa.
L’Italia per una volta è stato il Paese precursore, fuori dal circolo dei quattro, a inserire le criptovalute nella legge sull’antiriciclaggio (il Dlgs 90/2017, che aggiornava il decreto entrato in vigore 10 anni prima), stabilendo che il cambio tra valuta reale (euro) e virtuale (bitcoin et similia) deve essere “fotografato” dall’intermediario che lo esegue e segnalato, se il caso, all’Unità di informazione finanziaria di Bankitalia.
Sugli stessi standard di trasparenza si muove anche la V Direttiva europea sull’antiriciclaggio (UE 2018/843) che, per illuminare il sottobosco fiscale e di riciclaggio che inevitabilmente ha attaccato il nuovo ecosistema, amplia il novero dei soggetti obbligati a controllare i flussi includendo i prestatori di servizi di cambio tra valute virtuali e valute aventi corso legale e anche i prestatori di servizi di portafoglio digitale per la custodia delle credenziali di accesso alle valute virtuali. La V direttiva, che entrerà in vigore entro il 2020, come si vede istituisce una sorta di “casellante” incaricato di registrare l’ingresso e l’uscita di capitali nel e dal mondo crypt. Basterà per prevenire reati finanziari in cryptovalute? Di certo non quando il reato viene commesso interamente nel mondo virtuale, come i ripetuti furti di wallet avvenuti nell’ultimo anno, uno per tutti il colpo del secolo avvenuto a inizio anno ai danni della piattaforma giapponese Coincheck, quando si è trafugato l’equivalente di 530 milioni di dollari con una singola effrazione.
La sfida per il futuro delle crypto e dintorni è la regolamentazione, ovviamente senza zone grigie e armonizzata a livello internazionale. Con l’Italia che, da ieri, ha due comodi sfoghi a Nord (Svizzera) e Sud (Malta) per la grande quantità di asset in nero che da sempre convivono con l’economia legale.

Alessandro Galimberti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa