Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più dati immobiliari online

Dati sulle trascrizioni e ispezioni ipotecarie immobiliari online. La legge di bilancio 2017 introduce, inoltre, un’ulteriore novità prevedendo anche il versamento con delega, e compensazione con crediti, delle tasse ipotecarie e dei tributi speciali, in aggiunta ad altre modalità di pagamento elettronico.

Queste le novità introdotte nel testo del dl 193/2016, dopo le modificazioni presentate dalle varie commissioni parlamentari, sul tema delle conservatorie dei registri immobiliari e sulle modalità di pagamento delle tasse ipotecarie e dei tributi speciali, di cui alle lettere h) e i), del comma 1, dell’art. 2, dlgs. 237/1997.

Pagamento tributi.

Le nuove disposizioni, introdotte dalle commissioni, stabiliscono che, con decorrenza dall’1/7/2017, la riscossione delle tasse ipotecarie, di cui alla Tabella A, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale, approvato con dlgs. 347/1990, come sostituita dall’articolo 10, comma 12, del dl 323/1996, convertito, con modificazioni, dalla legge 425/1996 e i tributi speciali di cui alla Tabella A, allegata al dpr 648/1972, come modificata dal comma 13, dell’articolo 10 del citato dl 323/1996, è regolarmente eseguita mediante diverse modalità di pagamento, tra cui quelle relative al versamento unitario, di cui all’art. 17, dlgs. 241/1997 (delega e compensazione), contrassegni sostitutivi, carte di debito o prepagate, modalità telematiche e altri strumenti di pagamento elettronico.

La determinazione delle modalità di esecuzione, però, sono demandate a un provvedimento direttoriale dell’Agenzie delle entrate che sarà emanato dopo l’entrata in vigore della legge di conversione.

Conservatorie. Con decorrenza dal prossimo 1° luglio, è stato anche fissato l’orario di apertura al pubblico per il deposito delle trascrizioni e/o delle iscrizioni.

Si ricorda, in effetti, che l’art. 2677 c.c. dispone che le dette operazioni sono possibili in una precisa fascia oraria giacché «il conservatore non può ricevere alcuna domanda di trascrizione o d’iscrizione fuorché nelle ore, determinate dalla legge, nelle quali l’ufficio è aperto al pubblico».

È comunque pacifico che la ricezione della domanda di trascrizione e d’iscrizione fuori orario non comporta la nullità della stessa, perché tale sanzione potrebbe pregiudicare i terzi che abbiano fatto affidamento sulla validità dell’operazione.

Le nuove disposizioni, però, estendono l’apertura prevedendo che le ispezioni ai registri immobiliari e il rilascio di copie di formalità e di certificazioni potranno essere eseguiti «oltre l’orario di apertura al pubblico» ovvero anche negli orari stabiliti e comunicati mediante la pubblicazione sul sito web dell’Agenzia delle entrate; si evidenzia ulteriormente, che sino alla soppressione dei servizi di cassa istituiti presso i vari uffici periferici, l’orario per i servizi al pubblico, nell’ultimo giorno lavorativo del mese, resta fissato fino alle ore 11,00.

Quindi, il provvedimento in commento, attraverso uno specifico decreto direttoriale delle Entrate, da emanare di concerto con il dicastero della giustizia e da pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale, stabilisce che saranno istituite sezioni stralcio delle conservatorie dei registri immobiliari che potranno essere collocate in luoghi diversi rispetto all’ubicazione dell’ufficio territoriale, fermo restando il rispetto delle disposizioni, di cui alla legge 545/1971, che indica le varie circoscrizioni.

Infine, sempre in tale ultima ottica, con provvedimenti direttoriali e nel rispetto di quanto stabilito dalle leggi vigenti, saranno fissate le categorie di registri e di documenti da conservare, nonché le modalità di conservazione di accesso ai registri e ai documenti del conservatore, di cui agli articoli 2673 e seguenti del codice civile.

Fabrizio G. Poggiani

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa