Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più adempimenti formali per i clienti

«Come ogni normativa, molto dipenderà dal livello di conformità che le istituzioni finanziarie si vorranno dare. Tanto più questo livello sarà elevato, tanto meno potranno esserci conseguenze per i risparmiatori. Un ruolo di rilievo dovrà pertanto essere svolto dalle funzioni di controllo interne alle banche, così come da parte dei vigilanti, siano essi Consob o Banca d’Italia.

A lungo andare si deve far crescere la consapevolezza del grado di rischio a cui si è esposti allorquando si acquisti un prodotto finanziario». Paolo Pogliaghi, responsabile del servizio compliance, rischi e della funzione antiriciclaggio della Bcc di Carugate (Mi), spiega cosa cambia con Mifid II per banche e clienti.

Domanda. I risparmiatori sono più tutelati?

Risposta. Il Credito Cooperativo, nonostante il grande lavoro svolto da Federcasse, non è purtroppo riuscito a far comprendere compiutamente al legislatore nazionale la peculiarità di un investimento azionario in quote Bcc (Società Cooperative). L’esecutivo ha determinato che anche le azioni delle Bcc-Cr vengano incluse nel perimetro di applicazione della normativa Mifid 2. Le azioni Bcc sono ad oggi partecipazioni a società cooperative di importo medio attorno ai mille euro, prive di contenuto speculativo, con rendimenti limitati e assenza di negoziazione. Ciò determinerà un incremento di costi per le piccole banche ma soprattutto maggiori e più formali adempimenti per i risparmiatori.

Paolo Pogliaghi, BCC di Carugate

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa