Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari teme le elezioni

Le prospettive di elezioni politiche anticipate in autunno mandano al tappeto piazza Affari, peggior listino in Europa. Particolarmente penalizzate le banche, a causa dello spread Btp-Bund in forte rialzo (+11 punti a 188) e delle incertezze legate al futuro delle banche venete. A Milano l’indice Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,01% a 20.783 punti.

Nel resto del continente deboli Parigi (-0,08%) e Madrid (-0,19%), mentre Francoforte si è mossa in controtendenza guadagnando lo 0,21%.
Erano chiuse per festività sia Londra che New York. Andrea Cuturi, di Anthilia Capital Partners, ha evidenziato che, proprio nella scia di queste limitazioni negli scambi, i volumi sul listino milanese erano pari a circa metà del livello medio mensile. Bisognerà quindi attendere le prossime sedute per capire l’orientamento del mercato.

A piazza Affari l’andamento del differenziale sul decennale italo-tedesco ha penalizzato soprattutto il comparto bancario: Ubi B. ha perso il 4,74%, Unicredit il 4,34%, Banco Bpm il 3,89%, Mediobanca il 3,14%, Bper il 3,04% e Intesa Sanpaolo il 2,06%.

Forti vendite anche su Italgas (-3,69% a 4,382 euro), che ha accusato qualche presa di beneficio dopo il buon risultato di inizio anno: Equita sim (hold, prezzo obiettivo a 4,60 euro) ritiene che la visibilità sulle gare del gas resti bassa, ma si aspetta che il piano industriale in agenda il 31 maggio sia un catalizzatore positivo. Giù Poste italiane (-2,47% a 6,31 euro): Banca Akros ha tagliato la raccomandazione a neutral, con il target price che rimane a 7,10 euro dopo le indiscrezioni di stampa relative al nuovo business plan in fase di preparazione. La casa d’affari ha ridotto il rating a causa delle incertezze sugli sviluppi. Anche il partner strategico Anima H. (-3,40% a 5,96 euro) ha pagato i dubbi sulla strategia futura di Poste.

Debole Eni (-0,21% a 14,28 euro), che ha tuttavia resistito alle perdite diffuse sul mercato: in un report Kepler Cheuvreux ha confermato il Cane a sei zampe come titolo preferito (buy, obiettivo a 17,50 euro). Poco mossa Saipem (-0,11%) dopo la nuova commessa dalla joint venture Eni-Rosneft per circa 100 milioni di euro.

Acquisti su Brembo (+0,92% a 14,32 euro): Banca Akros ha aggiustato il target price a 15,50 euro da 77 euro, confermando il giudizio accumulate, tenendo conto del frazionamento azionario nel rapporto di uno a cinque. Mediaset (+0,96%), a detta di un analista, ha invece effettuato un movimento di assestamento.

Nel resto del listino in luce Reply (+1,03%) e Piaggio (+0,87%). Piaggio Fast Forward (Pff), società controllata dal gruppo delle due ruote, con un avanzato centro di ricerca americano sulla mobilità del futuro, è stata premiata ai Mitx Awards 2017 nella categoria Disruptive Genius – Company.

I migliori titoli dell’intero listino sono stati Gambero Rosso (+34,17%), Safe Bag (+24,71%), Ecosuntek (+18,53%) e Exprivia (+7,48%).

Nei cambi, l’euro è terminato in calo sotto 1,12 dollari a 1,1174 e a 124,36 yen. Per le materie prime, quotazioni petrolifere in apprezzamento di circa mezzo dollaro, con il Brent a 52,57 dollari e il Wti a 50,25. Poco mosso l’oro, che era scambiato a 1.268 dollari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa