Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari in standby

Seduta interlocutoria a Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha chiuso poco sopra la parità (+0,08% a 22.354 punti). L’indice milanese è rimasto in posizione laterale, in attesa delle trimestrali italiane e, soprattutto, in vista dell’appuntamento con la Bce della prossima settimana: il presidente Mario Draghi comunicherà le decisioni relative al proseguimento del Qe. Il mercato si aspetta l’annuncio di una riduzione degli acquisti mensili di titoli.

Più tonici gli altri listini europei: Madrid ha guadagnato lo 0,48%, Parigi lo 0,42%, Francoforte lo 0,37%, Londra lo 0,36%. A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano rispettivamente dello 0,63 e dello 0,08%. Lo spread Btp-Bund è salito leggermente a 164.

A Milano bene Prysmian (+1,88%), che ha accelerato grazie alle indiscrezioni relative a un’offerta completamente cash per General Cable. Acquisti su Banco Bpm (+0,97% a 3,128 euro): Equita sim (buy, prezzo obiettivo 4,2 euro) si aspetta un impatto di circa otto punti base sul Cet1 dalla nuova partnership di bancassurance. Contrastati gli altri titoli bancari: oltre la parità Intesa Sanpaolo (+0,77%) e Unicredit (+0,29%), mentre hanno perso terreno Mediobanca (-0,16%), Bper (-0,27%) e Ubi B. (-1,23%).

In leggera flessione il comparto energetico, con Eni che ha ceduto lo 0,07% ed Enel lo 0,29%. Fra gli industriali, Fca è salita dello 0,95%, mentre Leonardo ha perso lo 0,33%.

Pesante YNap (-2,38%), penalizzata dai risultati di Zalando. Saipem (-2,80%) è stato il peggior titolo dell’indice principale: a detta di un analista, l’azione ha accusato qualche presa di profitto in vista dei risultati trimestrali.

Nel resto del listino, in progresso frazionale Impregilo (+0,58%), che ha ricevuto commenti positivi dagli analisti grazie all’operazione di rifinanziamento del debito. Ben comprata Enav (+2,69%), con gli analisti che non escludono un dividendo straordinario.

In gran spolvero Mondadori (+10,26%) che ha accelerato in asta di chiusura, con un forte aumento dei volumi: il Ftse Russell ha annunciato che da oggi la società entrerà nell’indice Ftse Italia Mid Cap, al posto di Save, e sarà escluso dal Ftse Italia Small Cap. Vendite, invece, su Cattolica ass. (-4,02%), che ha subìto prese di profitto dopo la recente corsa.

Nei cambi, chiusura in lieve rialzo per l’euro a 1,1771 dollari e a 133,03 yen.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere vicine alla parità, con il Brent a 57,88 dollari e il Wti a 51,83. Ancora realizzi sull’oro, che cedeva 4,50 dollari a 1.281.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa