Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari sale poco

Seduta in progresso per le borse europee, con Piazza Affari più debole degli altri principali listini. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,21% a 16.308 punti. Nel resto del continente hanno chiuso oltre il punto percentuale Londra (+1,30%) Parigi (+1,11%) e Francoforte (+1,03%). A New York gli indici si muovevano in territorio negativo, con il Dow Jones a -0,29% e il Nasdaq -0,07%. Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è terminato poco mosso a 135.

Intanto il Tesoro ha collocato la prima tranche del nuovo Btp a 50 anni, scadenza 1° marzo 2067 e cedola al 2,80%. Sono stati emessi titoli per un controvalore nominale di 5 miliardi di euro.

A Piazza Affari l’indice principale continua ad avere un andamento volatile: gli esperti giustificano questi movimenti citando la situazione delle banche e il prossimo referendum. Contrastati i titoli del credito: hanno prevalso le vendite su B.Mps (-1,36%), Unicredit (-1,08%) e B.P.E.Romagna (-0,31%), mentre Ubi B. è rimasta invariata. In salita Mediobanca (+0,09%), Intesa Sanpaolo (+0,10%), B.Popolare (+1,51%) e B.P.Milano (+2,20%). In luce Azimut H. (+1,90%), che ha continuato a beneficiare della notizia relativa al completamento del piano di riorganizzazione.

Acquisti sul comparto oil&gas: Saipem +1,93%, Tenaris +1,5%, Eni +0,62%. Fca ha guadagnato lo 0,61%: gli analisti hanno commentato in modo positivo la crescita delle immatricolazioni di auto nel mese di settembre in Italia. In leggero progresso Enel (+0,10%).

Nel resto del listino ben comprate Safilo G. (+3,04%) e Fincantieri (+2,57%), quest’ultima in attesa delle commesse che potrebbero arrivare da Norwegian Cruise Line. Axelero (+10,81% a 2,44 euro) si è posizionata fra i migliori titoli dell’intero listino milanese: il recupero dell’azione è partito nei giorni scorsi dalla pubblicazione dei risultati semestrali, che a detta di Mediobanca Securities hanno mostrato una crescita impressionante.

Nei cambi, l’euro ha chiuso in calo a 1,1146 dollari ed è rimasto stabile a 114,14 yen. Il biglietto verde è stato sostenuto dalle dichiarazioni del falco Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland, che non ha escluso un rialzo dei tassi americani in occasione del direttivo della Fed dell’1 e 2 novembre.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in leggero progresso: a Londra il Brent guadagnava 28 centesimi a 51,17 dollari e a New York il Wti era scambiato a 48,91 dollari (+10 cent).

Il prezzo dell’oro trattava invece in calo di oltre 2 dollari a 1.269 dollari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa