Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari sale con i farmaci

Piazza Affari ha chiuso, ieri, con il Ftse Mib a +0,43%, a 18.969 punti, registrando la performance migliore tra le principali piazze europee. Parigi ha terminato la seduta a -0,49%; Francoforte a -0,39%; Londra a -0,73% e Madrid a -0,39%. Nel frattempo Wall Street, dopo un avvio in profondo rosso, ha ridotto in parte le perdite (Dow Jones -1,15%), con gli investitori che monitorano con apprensione i dati sui nuovi contagi di coronavirus, anche a Pechino. A sollevare leggermente il sentiment del mercato la notizia che Eli Lilly ha arruolato il primo paziente per la fase avanzata dello studio sul farmaco Baricitinib come trattamento per i pazienti Covid-19. Spread a 188 punti base.

Nel listino di Milano in deciso rialzo Exor (+3,77%), Nexi (+3,43%) e Recordati (+2,44%). Segue Amplifon (+2,86% a 23,77 euro) in scia ai commenti del ceo sulla velocità di recupero della società, su cui Equita Sim ha confermato il rating hold e tp di 23 euro per azione. Bene Diasorin (+1,74%), dopo le parole del ceo Carlo Rosa, che ha sottolineato la decisione della società di ricorrere al Consiglio di Stato sulla recente sentenza del Tar che ha disposto l’annullamento dell’accordo tra il Policlinico San Matteo di Pavia e Diasorin.

In progresso le utility, tra cui A2A (+2,28%), Terna (+2,18%), Italgas (+1,97%), Hera (+1,25%) ed Enel (+0,23%). Da notare Snam (+2,75% a 4,42 euro), su cui Mediobanca Securities ha confermato il rating outperform e tp di 4,8 euro per azione, in scia alle indicazioni di stampa secondo le quali l’azienda potrebbe investire 40 mln euro a Taranto in interventi per accelerare la transazione energetica e le riduzioni di emissioni di gas.

Focus su Intesa Sanpaolo (+0,28%) e Bper (+0,92%), che tornano sotto i riflettori degli analisti dopo l’accordo nell’ambito dell’Ops di Isp su Ubi B. (+2,01%), che prevede un aumento del numero di filiali che verranno acquistate da Bper e una leggera revisione del prezzo di cessione.

Tra le mid cap, bene Rai Way (+1,99% a 5,64 euro), su cui tornano i rumors della fusione con Ei Towers. In rialzo anche A.Bologna (+0,91%), dopo che venerdì il governo italiano ha stabilito che la precedente norma sull’obbligo di distanziamento sociale a bordo degli aerei può essere derogata se l’aria all’interno dell’aeromobile viene rinnovata ogni tre minuti e se vengono adottate misure sanitarie specifiche.

In ascesa Ascopiave (+2,36% a 3,9 euro), su cui Equita Sim ha confermato il rating buy e tp di 4,4 euro per azione, dopo le indicazioni di stampa che confermano l’interesse ad acquisizioni nella distribuzione gas, servizi idrici ed idroelettrico. In calo, invece, Cir (-3,17%), B.Cucinelli (-2,68%) e Sogefi (-2,21%). Da notare Avio (+6,58%), dopo che Leonardo spa ha concluso le operazioni, volte all’acquisto di 988.475 azioni della società.

Sull’Aim, in luce Trawell (+25,39%) dopo che la società ha siglato un accordo per la progettazione e produzione in esclusiva di macchinari per la sanificazione dei bagagli. In rialzo il prezzo del petrolio con il Brent trattato a 39,25 dollari al barile e il Wti a 36,5. Oro in calo: 1719 dollari l’oncia.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È assolutamente necessario evitare che la crisi pandemica sia seguita da una depressione economic...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo teme il peggio per l’economia italiana. Lo scrive il ministro Pd dell’Economia Robert...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Quando Luigi Di Maio dice: «Sul Mes ci fidiamo delle parole di Giuseppe Conte», sta lanciando la p...

Oggi sulla stampa