Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari finisce in rosso

Seduta debole, ieri, per le principali borse Ue. Il listino milanese ha chiuso sotto la parità con l’indice Ftse Mib che ha terminato le contrattazioni a -0,57% (a 19.899 punti), in linea con le altre principali piazze: a Londra il Ftse 100 ha chiuso a -0,55%; a Francoforte il Dax ha registrato – 1,05%; a Madrid, Ibex: – 1,6% e a Parigi, il Cac 40 ha concluso a -1,24%. Spread poco mosso a 165 punti base.

A Piazza Affari, in luce Snam (+2,18%), dopo le parole del ceo, Marco Alverà, che in un’intervista ha sottolineato come l’Italia potrebbe diventare un importante hub per l’esportazione dell’idrogeno prodotto da fonti rinnovabili.

Seguono Enel (+1,39%), Terna (+0,96%) e Hera (+0,55%). Bene Diasorin (+0,39%), che ha proseguito i guadagni della vigilia (+2,18%), dopo che il gruppo ha lanciato il test Simplexa Flu A/B & RSV Direct Gen II con marcatura Ce, in grado di identificare i ceppi influenzali di tipo A e B e il virus respiratorio sinciziale (Rs) in modo diretto.

Ha contenuto i cali Bper (-0,45%), che ha concluso la cessione a un investitore istituzionale del 95% delle tranche mezzanine e junior dei titoli emessi nell’ambito della cartolarizzazione di sofferenze «Spring». In flessione Banco Bpm (-2,23%), Intesa Sanpaolo (-1,32%), Mediobanca (-1,04%), Unicredit (-0,91%) e Ubi B. (-0,86%).

Lievemente sotto la parità Finecobank (-0,23% a 12,87 euro), su cui Banca Imi ha ribadito il rating hold e il prezzo obiettivo a 9,8 euro dopo i dati della raccolta netta della società nel mese di giugno pari a 801 milioni di euro (+28% a/a).

Focus su Saipem (-0,86%), dopo che l’azienda ha collocato con successo un’emissione obbligazionaria senior non garantita con scadenza 15 luglio 2026, per un importo di 500 milioni di euro.

In rosso gli industriali: Stm -2,89%, Cnh I. -1,91%, B.Unicem -1,54%, Leonardo Spa -0,85%, Pirelli -0,82%. Da segnalare Fca (-2,08%), in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui l’antitrust dell’Ue ha rinviato la data per l’esito finale delle sue indagini sul posizionamento di Fca-Psa nel segmento dei minivan dal 22 ottobre al 13 novembre.

Tra le mid cap, in rally Ima (+6,71% a 54,10 euro), promossa da Mediobanca Securities da neutral a outperform, con un prezzo obiettivo che passa da 54 a 60 euro, dopo che la Food & Drug Administration (Fda) americana ha annunciato che Iqos rispetta i requisiti Mrtp (modified risk tobacco products). Ima fornisce a Philip Morris i macchinari per il packaging dei prodotti Iqos.

Segue Webuild (+3,22%) con il mercato concentrato sul decreto semplificazioni che fornisce un quadro più favorevole delle regole che mirano ad accelerare l’assegnazione e l’esecuzione dei progetti per le infrastrutture. Focus anche su Maire T. (-1,1%), che ha firmato il contratto di finanziamento di 365 milioni assistito per l’80% dell’importo da Garanzia Italia di Sace.

Sull’Aim, denaro su Confinvest (+6,06% a 4,90 euro).

Prezzo del petrolio stabile con il Brent trattato a 43,09 dollari al barile e il Wti a 40,64. Oro ai massimi da settembre 2011 quotato a 1813 dollari l’oncia. Euro in leggero calo sul dollaro scambiato a 1,1286.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa