Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari & Dividendi Del Vecchio ritorna sul trono Ma il vero padrone è lo Stato

La partita è quella di Piazza Affari in bilico sulla voglia di ripresa, che stacca una cedola in grado di rendere il 3%, il doppio di un Btp decennale. Le carte sono quelle dei dividendi delle 40 famiglie quotate più ricche (2,1 miliardi) e della super cedola di Stato (1,4). L’asso di denari privati è Leonardo Del Vecchio , mentre Eni è il grande pagatore del Tesoro. 
Quest’anno, grazie soprattutto a Luxottica — che tra cedole ordinarie e coupon straordinari farà affluire nella sua finanziaria di controllo, Delfin, oltre 457 milioni di euro — Del Vecchio incasserà 490,5 milioni in dividendi (tenendo conto anche delle altre partecipazioni). Lo seguono i Benetton , con 326 milioni: nel 2014 erano loro i più ricchi. In terza posizione i fratelli Rocca , 291 milioni, tutti dovuti alla quota di controllo (più del 60%) della Tenaris (servizi petroliferi).
L’altro podio
Paperoni e Tesoro. Anche lo Stato è un grande incassatore di dividendi. L’azionista delle società pubbliche si porterà a casa 1,4 miliardi, più della metà di quanto avranno, tutte insieme, le 40 principali famiglie con partecipazioni in Piazza Affari. In cima alla classifica Eni, che contribuirà al cedolone pubblico con 726 milioni, oltre il 50% del totale. Mentre l’ Enel (332 milioni), e Snam (216) completano il podio. Quote minori, ma non certo trascurabili, saranno garantite da Terna, Stm e Raiway : nessun dividendo, invece, da Fincantieri e Finmeccanica.
I calcoli
La famiglia Del Vecchio, riceverà una cedola doppia rispetto ai 231 milioni della passata stagione. Un balzo notevole, che fa lievitare del 22,3% il monte dividendi dei 40 super ricchi di Piazza Affari e del 20,7% il controvalore dei dividendi 2015 dei primi 25.
La generosità variabile delle cedole e il ritorno di pagatori scomparsi durante la fase più acuta della crisi — caratteristiche della campagna in tutte le Borse del mondo — hanno mosso parecchio la classifica di Piazza Affari. I Benetton hanno visto aumentare di oltre 32 milioni gli introiti annui soprattutto per merito di Atlantia, il cui consiglio ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 0,8 euro per azione, in aumento del 7% rispetto ai 0,746 euro dello scorso anno. Ma anche le Generali non hanno deluso, con un incremento del 33% della cedola annua. Nel caso invece dei fratelli Rocca, terzi in classifica, l’aumento dei flussi annuali deriva sia dall’effetto cambio sia dalla crescita della cedola Tenaris, che viene calcolata in dollari: da 0,43 e 0,45 dollari per azione (in euro da 0,31 nel 2014 a 0,35 attuali).
Al quarto posto si insedia Silvio Berlusconi , che l’anno scorso occupava la sesta posizione: merito dell’incremento dei dividendi di Mediolanum e Mediobanca e del ritorno alla cedola, sebbene di modesta entità, da parte di Mediaset. Nella top ten entrano le famiglie Recordati, Maramotti e Caltagirone mentre escono Della Valle, Vacchi, Garrone e Besnier , i francesi che controllano Parmalat. La famiglia Recordati può contare quest’anno su una cedola di 0,50 euro per azione (era 0,33 euro nel 2014) distribuita ai soci dell’omonimo gruppo farmaceutico, la famiglia Maramotti può beneficiare invece del coupon più generoso erogato dalla banca della casa. Il Credem ha infatti deciso di stanziare 0,15 euro contro i 0,12 del 2014. Ma il conto finale diventa più ricco anche per merito della partecipazione in Unicredit.
La famiglia Caltagirone, oltre alle cedole storiche staccate da Caltagirone, Caltagirone editore, Cementir, Vianini Industrie e Vianini Lavori, vedrà il proprio gruzzolo in dividendi annui salire grazie anche alle partecipazioni in Generali e Acea.
Diego Della Valle, invece, quest’anno incamererà meno dividendi perché la sua azienda (Tod’s) ha deliberato la liquidazione di un coupon di 2 euro per azione, in contrazione rispetto ai 2,7 euro dello scorso anno. Stesso discorso per la famiglia Besnier che quest’anno potrà contare su un flusso di dividendi ridimensionato (pari a 0,016 euro per azione rispetto a 0,03 del 2014).
Per i Vacchi, soci di controllo di Ima, e i Garrone (Erg) la discesa in classifica è legata alla non ripetibilità di cedole straordinarie deliberate nel 2014.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa