Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Piazza Affari cade con le banche

Ennesima seduta da dimenticare per i mercati azionari in questo soffertissimo 2016. Piazza Affari ha registrato la peggiore perfomance tra i principali listini con il Ftse Mib arretrato del 3,49% e pericolosamente vicino alla soglia tecnica dei 18mila punti. Da inizio anno il passivo della Borsa milanese è arrivato a -15%, segue la Borsa di Francoforte che con il -2,44% di ieri cede nel complesso oltre 10 punti percentuali.
Sia il listino italiano che quello tedesco sono stati caratterizzati dalla vendita del comparto bancario, ma per motivi diversi. Gli investitori fanno fatica a digerire la “bad bank all’italiana”, quella frutto dell’accordo raggiunto nei giorni scorsi tra l’Unione europea e il Tesoro (prevede la creazione di veicoli interni a ciascuna banca che a sua volta impacchettano i crediti deteriorati in titoli derivati Abs da collocare sul mercato e, di questi, solo quelli con un rating investment grade potranno avere la garanzia dello Stato). Sono tanti ancora i dubbi e tanto lo scetticismo di fondo sulla bontà dell’operazione tanto che la stessa agenzia di rating Fitch (che avrà un ruolo chiave visto che emetterà i rating, cioè i giudizi su titoli derivati Abs emessi dalle società veicolo bancarie) ha commentato l’operazione come «Non sufficientemente attraente, le banche ne faranno un uso limitato» indicando inoltre che il meccanismo alla base «è troppo complicato» e che pertanto «i tempi di realizzazione saranno molto lunghi». In più va detto che il mercato in questo momento non ha tutti gli elementi per valutare l’accordo. «Nonostante gli ultimi dettagli annunciati stamane sui costi delle garanzie, manca ancora il parametro principale, ovvero a che prezzo saranno ceduti i crediti deteriorati dalle banche ai singoli veicoli – spiegano Vincenzo Longo, strategist di Ig -. Il tema è tutt’altro che trascurabile . Un prezzo troppo basso rispetto al valore nominale potrebbe richiedere ulteriori svalutazioni agli istituti che hanno in bilancio questi crediti a valori superiori al 30% del loro valore nozionale. Il tema è spinoso e complicato dal fatto che il prezzo di questi crediti non è noto, dato che non esiste un mercato».
Non è quindi difficile capire come mai per le banche di Piazza Affari quella di ieri è stata una giornataccia, dalle big alle più piccole. UniCredit ha perso il 6,4% e risulta ormai doppiata in termini di capitalizzazione da Intesa Sanpaolo che pure ha perso il 5,8%. Banca Mps (che ha chiuso il 2015 con 390 milioni di utile per effetto della nuova contabilizzazione del derivato Alexandria imposta da Consob e che ha dato un beneficio contabile di 500 milioni) ha ceduto il 7,8%, Banco popolare e Ubi il 5,8%. Peggio ancora Banca popolare di Milano (-9,8%) . Da inizio anno l’indice azionario delle banche accusa un tonfo di quasi il 9% mandando in fumo oltre 25 miliardi di euro in termini di capitalizzazione per le principali 10 banche quotate a Piazza Affari.
Le banche tedesche sono invece state vendute per un altro motivo: Deutsche Bank – che già nei giorni scorsi aveva lanciato un profit warning preparando gli investitori alla trimestrale esibita ieri – ha chiuso il 2015 con una perdita di 7 miliardi, di cui 2,1 nell’ultimo quarto ma soprattutto ha lanciato previsioni poco entusiasmanti per i prossimi trimestri. Sulla Borsa di Francoforte il titolo ha chiuso in calo del 5,8%, trascinando al ribasso l’intero comparto del credito europeo (indice di settore a -2,37%). Ma è andata addirittura peggio al comparto auto europeo (-3,17%) con forti e generalizzate vendite su tutti i titoli. Fca ha ceduto il 7,1%, Ferrari il 4,2%, Daimler il 2,9%, Volkswagen il 2,6%.
Ha fatto eccezione il comparto energetico che ha beneficiato del recupero del prezzo del petrolio con Brent del Mare di Londra e Wti texano che nel corso della seduta hanno superato i 33 dollari al barile dopo che il ministro russo dell’Energia, Alexander Novak, ha dichiarato che l’Arabia Saudita ha proposto un taglio della produzione del 5% per ogni Paese produttore per sostenere le quotazioni. L’Arabia Saudita ha smentito ma sul settore resta un’aspettativa in questa direzione.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa