Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per la bancarotta niente aggravanti

di Debora Alberici  

Non può essere applicata l'aggravante della pluralità di fatti all'amministratore di società condannato per bancarotta, a meno che non si riesca a provare l'indipendenza degli episodi che hanno portato al fallimento. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza numero 8403 del 2 marzo 2011, ha accolto il ricorso dell'amministratore di fatto di un'azienda scontando la pena. Il caso riguarda tre amministratori di fatto condannati, dopo il fallimento della srl che gestivano, per bancarotta per distrazione. La decisione presa dalla Corte d'appello di Trento nel 2009 è stata impugnata dalle rispettive difese di fronte ai giudici della Cassazione. La condanna è stata confermata dalla quinta sezione penale di Piazza Cavour. Solo uno dei tre l'ha spuntata sulla quantificazione della pena. Infatti gli Ermellini hanno deciso che l'aggravante della pluralità dei fatti non può essere applicata nel caso in cui il disegno criminale sia unico. Sul punto si legge in sentenza che «fondato è, al contrario, il motivo relativo all'erronea applicazione dell'aggravante di cui all'art. 219 comma 2 n. 1 1. fall., considerata l'omogeneità delle condotte violatrici della legge fallimentari, l'identità del bene leso e la sostanziale contestualità delle stesse. Onde, assai difficile risulta, soprattutto se calate nell'ideazione di un programma criminoso, ravvisarne la reciproca autonomia, come richiesto dalla migliore dottrina. Invero, in tema di individuazione dei più fatti a cui allude la norma in esame, il giudice – ove intenda applicare l'aggravante – deve individuare e valorizzare la possibile indipendenza strutturale e modale degli episodi criminosi (che sono costitutivi, in realtà, di una serie continuativa)». Nell'enunciare questo principio gli «Alti» giudici ne hanno ribadito un altro secondo cui «si esclude la possibilità di addebitare all'imputato tutto l'ammanco di cui egli mostra di non sapere rendere conto poiché gli elementi di prova ritenuti insufficienti per radicare la qualità di amministratore di fatto in capo all'estraneo non possono essere utilizzati come prova presuntiva della sua responsabilità a titolo di concorso esterno nel reato proprio del fallito dovendosi fornire prova per ogni fatto illecito addebitato al concorrente esterno alla società». La Procura generale della Suprema corte aveva invece chiesto che la condanna fosse integralmente confermata, senza nessuno sconto di pena.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa