Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per il concordato tassazione light

 di Fabrizio G. Poggiani 

Niente imposta di registro in misura fissa per l'omologa del concordato preventivo con trasferimento dei beni al terzo assuntore, stante la cessione immediata dei beni.

Così l'Agenzia delle entrate che, con la risoluzione n. 27/E di ieri, è intervenuta sull'applicazione dell'imposta di registro agli atti giudiziari, con particolare riferimento a quelli inerenti all'omologazione dei concordati preventivi. Per il soggetto istante, al contrario di quanto già indicato a suo tempo dalle Entrate (ris. 28/E/2008), il decreto di omologa emesso dal tribunale non ha natura costitutiva, giacché il tribunale esperisce una mera attività di controllo rispetto all'autonomia negoziale di natura privatistica, come emerge anche da alcune affermazioni della recente giurisprudenza (Cassazione, sentenze 10352/2007 e 19141/2010).

L'Agenzia delle entrate ricorda i contenuti dell'art. 160 della legge fallimentare, evidenziando le modalità di esecuzione del concordato preventivo, confermando di essere già intervenuta sul tema e ritenendo applicabile l'imposta di registro in misura proporzionale (3%) al decreto di omologa, ai sensi della lett. b), art. 8, della tariffa, parte prima, dpr n. 131/1986.

La stessa Agenzia prende atto dei recenti indirizzi giurisprudenziali che, soprattutto, escludono l'inquadramento, nelle lettere da a) a f) dell'articolo 8, della tariffa citata, ma distingue le modalità di concordato sulla base della produzione o meno di effetti traslativi; ciò poiché la Cassazione, con la sentenza 2957/1998, come richiamata dalla n. 10352/2007, non ha escluso l'applicazione proporzionale, in presenza di un trasferimento di beni e/o di diritti o nelle assunzioni di obbligazioni. Di conseguenza, per le Entrate i decreti di omologazione devono essere distinti tra quelli con garanzia o con cessione di beni (in tal caso l'effetto traslativo avviene solo al momento successivo della cessione unitaria o frazionata) che devono essere assoggettati a imposta di registro in misura fissa, essendo riconducibili nelle fattispecie di cui alla lettera g), dell'art. 8 della tariffa, parte prima del Tur e quelli con trasferimento di beni al terzo assuntore, stante il fatto che in tal caso emerge chiaramente la natura traslativa immediata del decreto.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa