Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per il «730» proroga al 16 giugno

È ufficiale la proroga per la presentazione del 730 al Centro di assistenza fiscale o al professionista abilitato. Il termine del 31 maggio, scaduto, si allunga infatti fino al 16 giugno. Mini differimento anche per gli adempimenti dei Centri di assistenza fiscale, Caf dipendenti, e dei professionisti abilitati, che beneficeranno di altri otto giorni di tempo. Il termine del 30 giugno si sposta, infatti, fino all’8 luglio, nuovo termine per i Caf dipendenti e i professionisti abilitati per comunicare il risultato finale delle dichiarazioni e presentare in via telematica alle Entrate i modelli 730/2014 per i redditi del 2013.
A questo provvedimento dovrebbe fare seguito la proroga del modello Unico, in scadenza il prossimo 16 giugno, che dovrebbe essere decisa a favore dei contribuenti che hanno gli studi di settore.
I nuovi termini sono stati fissati dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 3 giugno 2014, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 127 di ieri. Come indicato nel preambolo al provvedimento, la proroga si è resa necessaria per le difficoltà riscontrate nel reperimento dei modelli Cud nella fase d’avvio dell’assistenza fiscale, nonché per l’incertezza che si è determinata in merito all’utilizzo in compensazione del rimborso scaturente dal modello 730 per il pagamento delle imposte comunali.
L’articolo 1 del Dpcm, che ha per titolo “differimento, per l’anno 2014, del termine per la presentazione delle dichiarazioni modello 730/2014 ai CAF dipendenti ed ai professionisti abilitati”, stabilisce che:
– i contribuenti possessori dei redditi di lavoro dipendente, di pensione o assimilati, possono presentare il modello 730 e le schede per la destinazione dell’otto e del cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche entro il 16 giugno a un Caf dipendenti o a un professionista abilitato, dottore commercialista, ragioniere, perito commerciale o consulente del lavoro, unitamente alla documentazione necessaria per eseguire le operazioni di controllo;
– i Caf dipendenti e i professionisti abilitati, nell’ambito delle attività di assistenza fiscale, provvedono entro il 24 giugno, a consegnare al contribuente copia del modello 730/2014 elaborato e il relativo prospetto di liquidazione;
– i Caf dipendenti e i professionisti abilitati provvedono entro il giorno 8 luglio a comunicare il risultato finale delle dichiarazioni e a effettuare la trasmissione in via telematica all’agenzia delle Entrate dei modelli 730 presentati.
Nel caso in cui il sostituto abbia operato delle rettifiche sulle dichiarazioni, devono essere presentati “online” sia i modelli 730 originari, sia i modelli che riportano le rettifiche eseguite.
I sostituti d’imposta devono tenere conto del risultato contabile delle dichiarazioni elaborate dai centri o dagli intermediari abilitati. Il debito, per saldo e acconto, o il credito che risulta dai prospetti di liquidazione delle imposte è, rispettivamente, aggiunto o detratto a carico delle ritenute d’acconto relative al periodo d’imposta in corso al momento di presentazione del modello 730.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa