Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per i settori del made in Italy segnali di timida ripresa

All’orizzonte si profila una ripresa fragile, alimentata dal buon andamento di ordini ed export, agevolati dall’euro e dal greggio ai minimi. In arrivo c’è anche il timido ritorno della domanda interna. Sono gli elementi che quest’anno dovrebbero caratterizzare i sette settori chiave del made in Italy. Ma sulle prospettive di ripresa pesa l’assenza di una politica industriale strategica.

Una ripresa fragile, alimentata dalle esportazioni che crescono al traino dell?euro e del petrolio ai minimi, a cui si somma il timido ritorno della domanda interna, seppur condizionata dal clima di (scarsa) fiducia e dalla pressione fiscale (al massimo) che grava su famiglie e imprese. Sono i fattori che nel corso dell?anno condizioneranno l?andamento di sette settori chiave del made in Italy, sempre più proiettati verso i mercati del mondo per compensare l?immobilismo e l?assenza di una concreta politica industriale in grado di ridare il giusto ritmo al manifatturiero. Questo il sentiment che accomuna i pilastri dell?industria nazionale secondo i vertici delle federazioni confindustriali del manifatturiero.
«I cali delle materie prime e dell?euro sono elementi che aiutano, ma sono casuali. A mancare sono la fiducia e una politica industriale che supporti e detti le priorità agli investimenti pubblici e privati – dice Stefano Franchi, direttore generale di Federmeccanica -. Si devono liberare risorse da investire, altrimenti l?Italia non riparte». La metalmeccanica è stata pesantemente colpita dalla recessione e rispetto agli anni pre-crisi ha perso un terzo della produzione e un quarto della capacità produttiva. Anche il 2015 si preannuncia un anno difficile: l?export rimarrà stabile e la domanda interna ferma.
Nell?anno dell?Expo la filiera del food accelera sull?export. «Crescerà del 5-6% e per la prima volta si fermerà la caduta dei consumi alimentari delle famiglie, che dovrebbero aumentare dello 0,3-0,4%» spiega Luigi Scordamaglia, alla guida di Federalimentare. Il calo del greggio, poi, dovrebbe migliorare la capacità di spesa delle famiglie, ma il presidente è preoccupato per un sempre possibile aumento di tasse e accise. Relativamente più facile l?affermazione sui mercati mondiali, «dove la domanda di food made in Italy c?è e cresce».
In tutti i casi alle imprese che esportano servono aiuti e un maggior supporto dallo Stato. È quanto oggi Roberto Snaidero, presidente di Federlegno-Arredo, chiederà nel corso di un incontro con il ministro Gentiloni. Lo scorso anno il comparto è riuscito, grazie al bonus mobili, a fermare la caduta della domanda e quest?anno punta a una leggera crescita. La messa in sicurezza è comunque affidata all?export, che dovrebbe crescere del 5 per cento. «Presidiamo sempre più i mercati dell?area del dollaro e quelli emergenti, sperando che le sanzioni alla Russia si allentino – sottolinea Snaidero -. Quest?anno sono in programma oltre venti missioni e nel 2016 si svolgerà la prima grande fiera del design italiano a Shanghai».
Si aspetta un anno piatto Claudio Andrea Gemme, presidente Anie (elettronica ed elettrotecnica). «La flessione della domanda interna è compensata dalle esportazioni, ma servono politiche industriali, un piano energetico e una strategia che finalmente favorisca la manutenzione e l?aggiornamento tecnologico di impianti, infrastrutture, immobili pubblici e privati». Gemme tocca anche un altro tasto chiave: quello dell?innovazione. «In queste condizioni sono fortunate le imprese che riescono a investire in ricerca e sviluppo» rimarca. All?interno del perimetro della federazione l?incremento atteso è del 2%, ma non mancano segmenti, come quello della sicurezza, che dovrebbero crescere del 4 per cento.
Il 2% è l?aumento previsto anche per i beni strumentali. «Le prime stime evidenziano un altro anno di crescita, ma nel biennio 2012-2013 il comparto ha registrato un calo della produzione e ora stiamo ritornando ai valori del 2008 ? premette Alfredo Mariotti, segretario generale di Federmacchine -. I consumi interni continueranno a essere sostenuti, anche grazie agli effetti della Sabatini bis, che lo scorso anno ha risvegliato la domanda». Il portafoglio ordini copre un trimestre «ed è in miglioramento». Anche qui si registra una nicchia che riuscirà a fare meglio della media. Si tratta delle macchine utensili e dei robot: la prospettiva è di un aumento della produzione tra il 4-5%, avvicinando così i 5 miliardi di ricavi. Un exploit che andrà a ripercuotersi positivamente su altri comparti della federazione, resi ancora più competitivi dal calo delle materie prime e dalla bolletta energetica più leggera.
Dopo sei anni di affanni un cauto ottimismo contraddistingue il tessile e la moda. «Per la prima volta si vede qualche bagliore di luce e il tessile avrà migliori prospettive rispetto all?abbigliamento» osserva Gianfranco Di Natale, direttore generale di Smi (Sistema moda Italia). La domanda interna è ferma, «non si vedono segni di ripresa e se a fine anno si confermeranno i risultati del 2014 sarà già un buon risultato». Così la filiera rafforza la presenza nell?area del dollaro.
Stabilità anche per la meccanica varia. «Non ci sono grandi aspettative – premette Sandro Bonomi, presidente di Anima -. Il calo dell?euro ci aiuterà negli Usa e nel Far East e la crescita sarà più vigorosa in nicchie come la meccanica fine e l?automotive». La domanda interna invece resterà «stagnante per la mancanza di fiducia».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Pasticcio di golden power alla parmigiana. La Consob ha sospeso, dal 22 gennaio e per massimi 15 gio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il progetto di integrazione di Stellantis prosegue a marcia spedita. Dopo la maxi cedola di 2,9 mili...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la stagione dei conti societari a Wall Street con la pubblicazione, tra oggi e domani...

Oggi sulla stampa