Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per i professionisti giro d’affari sempre più stretto

di Laura Cavestri

La crisi economica si abbatte come una "scure" sui redditi reali e nominali dei liberi professionisti. Non solo una battuta d'arresto ma una concreta inversione del trend che ha caratterizzato i livelli di crescita demografica e reddituale degli iscritti agli Albi negli ultimi vent'anni. Più colpiti i giovani dei "padri", più il sud del nord e più le donne degli uomini. Con avvocati, ingegneri e architetti a risentire di più dei morsi della crisi, che ha penalizzato in maniera evidente anche le Casse ex decreto legislativo 103/1996 delle professioni tecniche, sociali e sanitarie.

Sono questi i risultato del I Rapporto sulle Casse di previdenza private, che sarà presentato dall'Adepp (l'Associazione delle Casse di previdenza professionali) domani mattina, alle 9,30, all'Auditorium di via della Conciliazione a Roma. Incontro al quale è atteso anche il neo ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera.

Secondo il Rapporto, tra il 2008 e il 2010, gli iscritti alle Casse hanno subito una perdita di circa il 3% di reddito medio nominale, che lievita al 6% in termini reali. Si tratta, va sottolineato, degli imponibili ai fini previdenziali, ovvero i redditi cui sono commisurate (in tutto o in parte) le contribuzioni.

Se avvocati, commercialisti, medici, ingegneri (cioè le Casse di più lunga durata ex Dlgs 509/94) hanno risentito, nel biennio, di un calo dal 2% (di reddito nominale) a oltre il 4% reale, per le Casse del Dlgs 103/96, la flessione sull'imponibile, in termini reali, ha toccato la soglia a due cifre del -10 per cento.

Se poi si prende il quinquennio 2005-2010 e si analizzano le professioni per area economico-sociale (Aes), area sanitaria (As) area tecnica (Pat)e area giuridica (Ag), proprio queste due ultime categorie hanno subìto più pesantemente l'impatto della crisi.

Per i tecnici, la crisi dell'edilizia e le gare al massimo ribasso hanno ridomensionato fortemente i redditi. Gli avvocati, invece, sono cresciuti troppo. Circa 30mila nuovi ingressi l'anno, ma i giovani sono sempre più "proletari" della professione, faticano a mettersi in proprio e cresce la fascia di quelli che dichiarano meno della soglia minima che fa scattare il versamento contributivo alla Cassa forense. La sola area giuridica mostra nel biennio 2008-2010 una perdita di circa l'11 per cento.

Se ingegneri, architetti e geometri mostrano che, sul fronte del reddito medio nominale, il reddito al nord raddoppia rispetto a quello dei colleghi del sud, l'area sanitaria si rileva la più "equa" nella distribuzione reddituale: le tre aree del Paese "viaggiano" attorno i 55mila euro.

Del resto, anche una rapida occhiata ai redditi medi dichiarati ai fini Irpef e ai fatturati di alcune tra le principali categorie – tratti dai rispettivi bilanci consuntivi 2009 e 2010 in base a redditi e fatturati dichiarati per il 2008 e 2009 – mostra cali evidenti.

Il reddito medio dichiarato degli avvocati è calato del 3% in un solo anno. Inoltre, i dati provvisori sui redditi 2010, che la Cassa forense ha diffuso venerdì scorso al Congresso dell'Oua (si veda Il Sole 24 Ore del 26 novembre) confermano il trend in discesa: imponibile 2010 a 47.822 euro (rispetto ai 48.805 euro dell'anno prima) e volume d'affari Iva a 72.186 euro (da 74.544 euro del 2009).

Livello analogo (-3,5%) per quello dei dottori commercialisti. Tengono i ragionieri: la spiegazione è per lo più legata al fatto che la Cassa non ha praticamente nuovi ingressi, in quanto la professione è per i giovani quella del dottore commercialista, e che i professionisti più "maturi" hanno tendenzialmente una maggiore capacità di tenuta del reddito.

Mentre il crollo si verifica per architetti (-9,7%) e ingegneri (-7,5%): alla frenata busca del mattone e del mercato edilizio privato si aggiunge anche la crisi delle opere pubbliche. Si lavora meno ed è molto faticoso farsi pagare. Sul versante del valore annuo del volume d'affari, quello prodotto dall'Adepp, nel 2009, è pari a circa il 3% del Pil italiano nel 2009 (il fatturato delle prime cinque società per fatturato, operanti in Italia, si colloca in un range compreso tra il 2 e l'8% del Pil 2009).

Uno sguardo, infine, alla "popolazione" delle Casse. Il totale dei contribuenti è di poco sotto ai 2 milioni, con un aumento, nel 2010, dell'1,46%, un cospicuo incremento dei pensionati che proseguono nella contribuzione (+4,11%) e una discreta crescita degli iscritti attivi (+1,39 per cento).
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa