Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pensioni, vertice (a sorpresa) governo-sindacati

Un tempo gli incontri tra governo e sindacati erano all’ordine del giorno. Non c’era decisione di rilievo che non venisse presa senza «concertarla» con le parti sociali. Poi sotto i governi Berlusconi si passò alla «consultazione», procedura ufficialmente più distaccata dietro la quale continuava però la concertazione con alcuni (Cisl e Uil). Infine, il governo Monti, pressato dall’emergenza, fece a meno anche della consultazione, che forse avrebbe evitato qualche eccesso normativo foriero di guai (esodati). Con Matteo Renzi il rapporto è cambiato ancora, all’insegna di una sfida lanciata dal premier rottamatore verso sindacati che giudica vecchi e consociativi. Per questo il fatto che il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti – poco prima di andare al consiglio dei ministri che ha approvato il Foia (le nuove norme sulla trasparenza amministrativa) – abbia convocato per martedì 24 maggio i segretari di Cgil, Cisl e Uil per parlare di pensioni, è di per sé una notizia. Tanto più che all’incontro ci sarà anche Tommaso Nannicini, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio che ha messo a punto l’Ape, cioè l’Anticipo pensionistico, che è l’ipotesi di «flessibilità in uscita» (si lascia il lavoro un po’ prima ma prendendo di meno) annunciata da Renzi come possibile dal 2017.

Che poi il vertice possa servire a qualcosa è difficile. Cgil, Cisl e Uil hanno già bocciato l’Ape, perché si tratterebbe di un anticipo sulla pensione che il lavoratore dovrebbe pagarsi sotto forma di prestito dalle banche. «Un regalo a banche e assicurazioni», ha sentenziato il leader della Cgil, Susanna Camusso, in un’intervista al Corriere . Parole che non sono affatto piaciute al governo. La stessa Camusso e Carmelo Barbagallo, segretario della Uil, qualche giorno dopo, hanno abbandonato l’assemblea di Rete Imprese mentre Nannicini nel suo intervento stava criticando i «vecchi riti» concertativi. Adesso Poletti prova a ricucire. E comunque la convocazione è il segnale che, almeno sulle pensioni, il governo un certo ruolo al sindacato lo riconosce. «Speriamo parta un confronto serio», dice il segretario della Cisl, Annamaria Furlan.

Il cammino è lungo. Le decisioni verranno prese a ottobre con la legge di Bilancio, ha già chiarito Renzi. E il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha avvertito che i costi devono essere minimi (di qui l’idea di coinvolgere le banche) e che la riforma Fornero non potrà essere stravolta. Resta che una finestra di dialogo si è aperta. Anche se non direttamente con Renzi. Che solo una volta ha convocato i vertici sindacali a Palazzo Chigi: alle 8 del mattino del 7 ottobre 2014 sul Jobs act. E mentre parlava Barbagallo – che non si era presentato – lo interruppe così: «Ma lei chi è?».

Enrico Marro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa