Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pensioni e Iva, Tsipras promette le riforme

Il premier greco di estrema sinistra Alexis Tsipras intende inviare le riforme richieste dall’Eurogruppo per sbloccare i prestiti di salvataggio al massimo «all’inizio della settimana prossima». Lo ha annunciato nell’Europarlamento di Bruxelles il presidente lussemburghese della Commissione europea Jean-Claude Juncker citando una sua telefonata con Tsipras della sera precedente. Juncker ha aggiunto di aver superato il suo precedente pessimismo causato dai contrasti tra Atene e Berlino, sostenendo che ora «si è tornati alla normalità del procedimento e penso che potremo arrivare a una conclusione favorevole per la Grecia e per l’Ue». 
Ma la cancelliera tedesca Angela Merkel e le istituzioni Ue continuano a fare pressioni su Atene per arrivare davvero la prossima settimana a poter annunciare un Eurogruppo straordinario dei 19 ministri finanziari in grado di dare il via libera ai 7,2 miliardi necessari per evitare l’insolvenza della Grecia.
Un segnale in questo senso l’ha dato l’Euro working group, l’organismo tecnico impegnato a preparare le riunioni dell’Eurogruppo. Non ha concesso per ora 1,2 miliardi rivendicati da Atene in quanto restituiti in eccesso al Fondo salva Stati dell’eurozona nell’ambito dei prestiti diretti alle banche in difficoltà.
Nella loro riunione in teleconferenza gli sherpa dei 19 ministri finanziari hanno considerato il governo ellenico non autorizzato legalmente a ricevere quei fondi. «Non vediamo alcuna ragione per sbloccarli», ha fatto sapere un portavoce del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble.
Anche la Bce di Mario Draghi, dopo aver alzato moderatamente i suoi finanziamenti d’emergenza agli istituti di credito greci in crisi di liquidità (da 69,8 a 71 miliardi), ha ordinato di non usare i fondi per aumentare gli acquisti di titoli di Stato ellenici a breve termine. A Francoforte temono che le banche greche possano appesantirsi eccessivamente impegnandosi ancora di più sul debito nazionale. A Berlino e in altre capitali vogliono vedere corretta o almeno ridimensionata la politica economica di estrema sinistra annunciata inizialmente da Tsipras e dal suo ministro delle Finanze Yanis Varoufakis. Il membro del direttivo Bce, il belga Peter Praet, ha invitato i leader politici greci a esercitare maggiore «disciplina verbale». Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ha aggiunto che «sarebbe tragico se la Grecia rinunciasse al percorso» perché «soltanto riforme basilari possono migliorare le prospettive economiche».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Meno vincoli della privacy per l’utilizzo delle nuove tecnologie in chiave antievasione. La deleg...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il green pass diventa obbligatorio per quasi 20 milioni di lavoratori. Da metà ottobre per acceder...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha preso il via il digital tour di Imprese vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo per la va...

Oggi sulla stampa