Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Penati: Atlante 2 punta a sindacare gli Npl acquisiti

Atlante 2, il veicolo creato per investire negli Npl delle banche, punta ad allargare il suo raggio d’azione. E per questo intende sindacare le cartolarizzazioni avviate fino ad oggi (come quelle sulle tre good banks e su Cariferrara) e su quelle in arrivo (ovvero Mps) con altri soggetti interessati ad investire in Npl italiani. «C’è anche la possibilità e lo stiamo facendo – ha detto ieri Alessandro Penati, il presidente di Quaestio che gestisce Atlante 2 – di sindacare quello che gestiamo. I soldi ci sono e c’è interesse». Nello stesso tempo, Penati tiene aperta la porta all’ipotesi anche di riaprire la raccolta («C’è certamente interesse»), visto che formalmente la chiusura era fissata per il 31 luglio.
A fronte di una dotazione iniziale di 2,2 miliardi, Atlante 2 ha investito fino ad oggi 515 milioni nella cartolarizzazione di circa 2,2 miliardi delle tre good banks (Marche, Etruria e Carichieti) acquisite da Ubi, e altri 65 milioni per sgravare Cariferrara di circa 343 milioni lordi di non performing in vista della cessione a Bper. Considerato che per lo smaltimento dei 26 miliardi di sofferenze del Montepaschi verranno impegnati circa 1,6 miliardi, il veicolo rimarrà di fatto senza munizioni. In questa condizione, dunque, Atlante 2 non riuscirebbe a prendere parte all’altra partita in cui è previsto un suo coinvolgimento, ovvero quella che prevede la cartolarizzazione di oltre 2 miliardi di Npl, delle Casse di Cesena, Rimini e San Miniato.
Da qua, dunque, nasce la volontà dei vertici di Atlante 2 di di tentare il frazionamento degli investimenti fatti, con l’obiettivo di liberare risorse che potrebbero essere poi impegnate in altre operazioni. Del resto, oltre al caso delle tre piccole casse destinate a Cariparma-Credit Agricole, sono diverse le banche italiane che vedrebbero di buon occhio un supporto di Atlante a favore dello smaltimento dei propri crediti deteriorati. Resta da capire se ci siano soggetti interessati a co-investire con Atlante.Una leva potenziale, per il veicolo smaltisci-Npl, potrebbe essere rappresentata dallo sblocco dei due casi Mps-banche venete. Resta da capire se questo può bastare ad accendere l’interesse degli investitori.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa