Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pec per tutte le aziende

Casella di posta elettronica certificata anche per le imprese individuali: entro il prossimo 30 giugno 2013, quelle già iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane sono tenute a comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, pena l’irrogazione delle sanzioni pecuniarie di cui all’articolo 2630 del Codice civile. Con riguardo invece alle imprese individuali alla prima iscrizione, la mancata indicazione dell’indirizzo di Pec determina la sospensione della relativa domanda sino alla sua integrazione. Decorsi tuttavia quarantacinque giorni dalla presentazione della richiesta di iscrizione, questa si considera come non presentata.
L’articolo 5 del Dl 179/2012 “Sviluppo bis”, che dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale oggi, introduce l’obbligo generalizzato della Pec a livello d’impresa, ampliando il perimetro soggettivo tracciato dall’articolo 16, comma 6, del decreto legge 185/2008, in precedenza limitato a professionisti e imprese costituite in forma societaria. Dal 1° luglio 2013, la presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti, anche a fini statistici, tra imprese e pubbliche amministrazioni potranno essere effettuati esclusivamente tramite Pec in tutti i casi in cui non è prevista una diversa modalità di comunicazione telematica. Questa è l’ulteriore motivazione che sta alla base del nuovo articolo 6-bis del Codice dell’amministrazione digitale (Cad)dettato dall’articolo 5 del decreto legge.
Entro aprile 2013 sarà istituito presso il ministero per lo Sviluppo economico l’Ini-Pec, cioè l’indice nazionale degli indirizzi Pec di imprese e professionisti. Si tratterà di un elenco pubblico cui potranno accedere pubbliche amministrazioni, professionisti, imprese, gestori o esercenti di pubblici servizi e cittadini per conoscere, tramite sito web e senza necessità di autenticazione, l’indirizzo di posta elettronica certificata di interesse, al fine di presentare istanze, dichiarazioni e dati nonché per lo scambio di informazioni e documenti.
Anche nelle procedure concorsuali, per favorire e velocizzare le comunicazioni contenendo i costi, è ora prevista la notifica telematica del ricorso per la dichiarazione di fallimento mediante Pec, imponendo ai creditori di presentare la domanda di insinuazione al passivo per via telematica e al curatore di effettuare comunicazioni utilizzando la casella di Pec conosciuta.
L’utilizzo della casella di posta elettronica certificata come mezzo di comunicazione privilegiato nei rapporti con le pubbliche amministrazioni emerge anche dalla nozione di domicilio digitale del cittadino introdotta dal nuovo articolo 3-bis inserito nel corpo del Cad. Ogni cittadino potrà, infatti, indicare alla pubblica amministrazione un proprio indirizzo di Pec che sarà inserito nella costituenda Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr). Dal 1° gennaio 2013, le amministrazioni pubbliche e i gestori o esercenti di pubblici servizi comunicheranno con il cittadino esclusivamente tramite il domicilio digitale, ove dichiarato.
Anche il mondo delle compagnie assicurative sarà infine interessato dall’utilizzo della Pec. Per ridurre adempimenti cartacei e modulistica, nei rapporti contrattuali fra imprese di assicurazione, intermediari e clientela e limitatamente al ramo assicurativo danni, l’Ivass, ente che ha sostituito Isvap, dovrà individuare misure di semplificazione di procedure e adempimenti burocratici, con particolare riguardo all’utilizzo di posta elettronica certificata, firma digitale, pagamenti elettronici e online.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa