Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Paura spread, Milano brucia il 5%

di Stefania Tamburello

ROMA — È arrivato così, apparentemente senza spiegazioni, il nuovo forte sussulto dei mercati che ha fatto volare lo spread dei Btp italiani oltre quota 400 punti e ha fatto cadere, con movimento simmetrico, il listino di Piazza Affari quasi del 5%. Le tensioni, è vero, erano tornate prima di Pasqua ma una tale recrudescenza non se l'aspettava nessuno. Tanto che i tecnici ieri si sono interrogati a lungo su cosa, nello specifico, abbia fatto scattare il nuovo allarme e il ritorno della paura — e della speculazione — tra gli investitori. Probabilmente sono stati più fattori, alcuni anche contrastanti tra loro, ad agire in una situazione di scarsi movimenti, in cui basta poco a far schizzare prezzi e rendimenti, dovuta alle festività pasquali, che per una concomitanza con le vacanze scolastiche, ha allontanato dal lavoro anche i più alacri trader anglosassoni.
È quello che è successo sul secondario, con la Spagna e i conti pubblici ancora al centro delle preoccupazioni e l'Italia, col suo alto debito, dietro. Lo spread tra i Bonos e i Bund tedeschi è arrivato a toccare i 435 punti. Il differenziale tra i Btp decennali e Bund tedeschi di uguale durata ha chiuso invece a 404 punti, 32 centesimi in più di venerdì, con un rendimento per i titoli italiani al 5,68%. L'elemento più significativo, e più preoccupante per il futuro, però, a detta degli osservatori più esperti, è il basso livello, al minimo, toccato dai rendimenti dei titoli tedeschi, l'1,64%. Perché quando le richieste si concentrano sui Bund, e si punta sull'affidabilità della Germania (da cui ieri è arrivata l'unica notizia economica positiva, il progresso di esportazioni e importazioni), significa che è in calo la fiducia sulla tenuta dell'euro e dell'Europa. Non convince gli investitori l'impegno della Ue sul firewall, il muro anticrisi, che dovrà prendere forma al prossimo G20 finanziario di Washington. E creano confusione, sempre a detta di molti osservatori, le perplessità (dalla richiesta di exit strategy agli allarmi per il possibile impatto sull'inflazione delle mega aste realizzate da Francoforte), espresse in particolare da vari esponenti (banchieri e non) tedeschi sull'azione della Bce guidata da Mario Draghi.
Dai titoli ai listini che sono crollati in tutta Europa bruciando complessivamente, in una sola seduta, oltre 170 miliardi di euro. Piazza Affari è stata la peggiore, andando giù del 4,98%, spinta dal cedimento delle banche, che di titoli di Stato ne hanno tanti in portafoglio. Pesante anche Parigi che ha perso il 3,08% mentre Francoforte ha ceduto il 2,49% e Londra il 2,24%. Sugli scambi hanno pesato i timori per la Spagna ma soprattutto le preoccupazioni per il peggioramento delle previsioni economiche provenienti dagli Usa, dove Wall Street ieri ha ancora girato in negativo (-1,65% in chiusura, ai minimi).
«Il clima sui mercati sicuramente risente dei problemi legati alla crescita, ma sono entrati in circolo anche elementi tecnici», osserva Gianluca Garbi, ad di Banca Sistema. Come lo smobilizzo di titoli italiani, acquistati nei primi tre mesi dell'anno anche grazie alle aste della Bce, per rimpolpare le trimestrali, visto che, come ha calcolato Bloomberg, Bot e Btp hanno reso nel periodo il 13%.
C'è da sperare, o per lo meno lo spera il Tesoro, che le banche e gli investitori ricostituiscano i portafogli alle aste previste per oggi, quando saranno offerti Bot per 11 miliardi e domani in cui saranno offerti, con grande prudenza, tra 3 e 5 miliardi di Btp a 3, 5 e 15 anni. Con una vigilia così tempestosa l'interrogativo, purtroppo, è su quanto saliranno i tassi di assegnazione.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa