Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Patto Arpe-Palladio, scalata a Fonsai

di Sergio Bocconi

MILANO — Si scalda sempre di più la partita Fonsai: Palladio finanziaria sale al 5% e la Sator rende noto di aver rastrellato il 3%. La holding veneta e il gruppo di Matteo Arpe hanno poi siglato ieri un patto di consultazione che non prevede intese o obblighi sul voto ma si «fonda sul comune interesse a sostenere il piano di ricapitalizzazione» della compagnia.
Le comunicazioni sono arrivate ieri pomeriggio dopo che il titolo Fondiaria-Sai aveva «ballato» per l'intera seduta alternando perdite e guadagni e chiudendo con un rialzo del 2,55% fra scambi pari al 7% del capitale. A questo punto Palladio ha la possibilità di salire fino al 10% e Sator fino al 5% senza dover dare ulteriori informazioni a regolatore e mercato.
L'asse tra la finanziaria d'investimenti guidata da Roberto Meneguzzo e Giorgio Drago e il gruppo di Arpe può riaprire dunque una partita che sembrava chiusa con l'accordo tra i Ligresti e Unipol e il progetto destinato a costituire con una maxifusione fra Unipol assicurazioni, Fonsai, Milano e Premafin un polo assicurativo da 20 miliardi di premi.
Quali sono gli obiettivi degli aderenti all'accordo di consultazione? Per ora è noto solo il «comune interesse» a sostenere il piano di ricapitalizzazione di Fonsai, già stabilito in 1,1 miliardi e obbligatorio, considerate le perdite stimate per oltre un miliardo e il margine di solvibilità crollato al 75%, bel al di sotto delle soglie regolamentari. Il rafforzamento patrimoniale, sollecitato da una lettera di Mediobanca e «richiesto» dall'Isvap, non è dunque in discussione. Piazzetta Cuccia ha già raccolto gli impegni preliminari per il consorzio di garanzia, all'interno però del piano (promosso dalla stessa banca d'affari) Unipol-Fonsai.
Non è chiaro tuttavia al momento cosa significhi per il nuovo asse sostenere la ricapitalizzazione. Cioè se si intenda partecipare all'interno del quadro già delineato dall'accordo Ligresti-Unipol oppure se, in occasione dell'assemblea di metà marzo per deliberare l'aumento, si voglia proporre un disegno alternativo. In questo secondo caso l'obiettivo richiederebbe disponibilità ben superiori a quelle già investite, anzitutto per salire oltre il 20% e costituire una minoranza di blocco in assemblea, e in secondo luogo per attuare la fase due: l'acquisto di controllo e l'aumento sarebbero realizzabili investendo cifre vicine a 1,5 miliardi. Un piano simile renderebbe necessaria non solo una cordata più estesa, ma in teoria anche il sostegno di un partner, bancario o assicurativo. Italiano o estero.
In attesa di conoscere sviluppi e disegni, finanziari o industriali, all'interno di Palladio qualche dissenso viene manifestato su un'operazione letta sul mercato come sfida ad Alberto Nagel e Federico Ghizzoni. Pier Francesco Saviotti, consigliere delegato del Banco Popolare, creditore di Premafin e socio della holding veneta con circa il 9%, sottolinea che l'istituto «è in totale sintonia con Mediobanca e Unicredit nel favorire il buon esito dell'operazione Unipol-Fonsai, soluzione che garantisce tutti gli attori in campo». In relazione poi a rumor di coinvolgimento di De Agostini, dal gruppo arriva una smentita senza riserve («voci senza fondamento»). E Giovanni Perissinotto, group ceo di Generali che qualche scenario ha indicato in sostegno a Palladio (socio indiretto del Leone con il 3,6% anche con Crt), ieri ha dichiarato: «La nostra estraneità rispetto a iniziative assunte dai nostri singoli azionisti è ovvia e totale».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa