Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Passaporti antiCovid doc

Ci vuole una legge per il passaporto sanitario antiCovid. Si tratta di una restrizione alla libertà di circolazione per motivi riguardanti lo stato di salute e non si può prescindere da una norma di rango primario. Arriva dal Garante della privacy la richiesta di una norma generale, che se, da un lato, autorizza la circolazione a chi è stato vaccinato, dall’altro ostacola o vieta la libertà di movimento. L’autorità presieduta da Pasquale Stanzione indirizzerà una segnalazione al Parlamento impostata in questi termini.

La conseguenza di un’impostazione di questo tipo è che non potrà avere rilevanza l’eventuale consenso dell’interessato. Si tratta di un problema di «base giuridica» del trattamento ed è un problema che riguarda sia soggetti pubblici sia soggetti privati. Per il regolamento europeo sulla protezione dei dati n. 2016/679 (Rgpd), infatti, ogni trattamento deve avere la sua base giuridica, cioè la sua condizione di liceità. Senza la giusta base giuridica il trattamento è illecito e chi lo compie rischia fino a 20 milioni di euro di sanzione amministrativa (articoli 9 e 83 del Rgpd).

Ricapitolando i termini della questione, il Garante fa presente che è un tema del giorno quello di accompagnare la somministrazione dei vaccini con soluzioni che facilitino la riconoscibilità di chi si è vaccinato e ciò al fine di avere più libertà nell’accesso a determinati locali o per la fruizione di taluni servizi (stazioni, aeroporti, hotel, stazioni, palestre e così via).

La questione parte proprio dalla stessa liceità di subordinare la libertà di azione alla documentazione di avere assunto il vaccino e di non di correre pericoli di contagio. Il problema, come spesso capita, non è di possibilità tecnica di ottenere il risultato, ma della legittimità in sé dell’operazione. E nell’ambito dei controlli di legittimità si colloca anche il rispetto della disciplina della privacy. Privacy che, ancora una volta, non blocca e non autorizza, ma chiede cautele e garanzie.

Tra l’altro stiamo parlando di dati particolarmente delicati, come i dati relativi allo stato vaccinale e di potenziali effetti discriminatori per le persone, etichettate in un senso o nell’altro. La cautela è d’obbligo, visto che ci possono essere violazioni e compressioni illegittime di libertà costituzionali. Queste le ragioni che spingono il Garante a segnalare al legislatore la necessità di una preventiva legge testa ad ammettere il trattamento dei dati relativi allo stato vaccinale dei cittadini a fini di accesso a determinati locali o di fruizione di determinati servizi.

La legge, di cui si parla, deve rispettare i principi del Rgpd e tra questi quelli di proporzionalità, limitazione delle finalità e di minimizzazione dei dati, in modo da realizzare un equo bilanciamento tra l’interesse pubblico che si intende perseguire e l’interesse individuale alla riservatezza. Senza la legge, l’utilizzo in qualsiasi forma, da parte di soggetti pubblici e di soggetti privati fornitori di servizi destinati al pubblico, di app e pass destinati a distinguere i cittadini vaccinati dai cittadini non vaccinati è da considerarsi illegittimo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa