Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Partite Iva, scivolone del 10,7%

Nel corso del 2015 sono state aperte circa 516 mila nuove partite Iva, in diminuzione del 10,7% rispetto all’anno precedente. Confrontando i due periodi, occorre considerare che il 2014 è stato caratterizzato dall’apertura di un rilevante numero di partite Iva che hanno aderito al regime fiscale cosiddetto di vantaggio.

Inizialmente la scadenza per aderire a tale regime era infatti fissata al 31 dicembre 2014 (successivamente prorogata a dicembre 2015) e questa circostanza ha indotto molti soggetti interessati ad accelerare l’apertura della partita Iva nel 2014. Di conseguenza nel 2015 si è registrato un numero inferiore di aperture. Lo ha reso noto ieri il dipartimento delle finanze. Nel corso del 2015, anno in cui è stato possibile per i contribuenti scegliere tra il regime di vantaggio e il nuovo regime forfettario si sono registrate complessivamente circa 150 mila aperture di partite Iva con adesione a uno dei due regimi agevolati. La distribuzione per natura giuridica mostra che il 71,5% delle aperture di partite Iva è dovuto alle persone fisiche, il 22% alle società di capitali, il 5,6% alle società di persone, mentre il restante 1% è costituito da «non residenti» e «altre forme giuridiche». Rispetto al 2014, solo le società di capitali mostrano un aumento di avviamenti (+6,5%), confermando il trend positivo determinato anche dall’attrattività della nuova forma societaria (Srls – Società a responsabilità limitata semplificata), mentre persone fisiche e società di persone risultano in calo (rispettivamente del 15,2% e dell’8,9%). Riguardo alla ripartizione territoriale delle aperture, il 42,1% di esse è localizzato al Nord, il 22,5% al Centro e il 35,3% al Sud e Isole; il confronto con l’anno precedente evidenzia che in tutto il paese si è registrata una flessione di aperture (dal -17,9% della Provincia autonoma di Bolzano al -2,6% della Puglia), con la sola eccezione della Calabria (+1%). La classificazione per settore produttivo evidenzia che il commercio continua a registrare il maggior numero di aperture di partite Iva (il 23,8% del totale), seguito dalle attività professionali (12,7%) e dall’agricoltura (11%). Rispetto al 2014 tutti i settori principali registrano decrementi del numero delle aperture, più accentuati nelle attività professionali (-34,2%) e nella sanità (-24,1%), nelle quali è tipicamente maggiore l’adesione al regime di vantaggio. In controtendenza solo l’agricoltura (+19,6%), settore influenzato delle novità normative 2015 riguardanti l’Imu sui terreni agricoli, che prevedono agevolazioni per gli imprenditori agricoli professionali. Per le persone fisiche, la ripartizione per sesso è sostanzialmente stabile: il 63% di aperture delle partite Iva riguardano il genere maschile. Circa il 46% delle aperture è dovuto a giovani fino a 35 anni e il 34,6% alla classe 36-50 anni. Il confronto con l’anno precedente mostra riduzioni di aperture per le classi più giovani e un aumento per quelle più anziane (dal -25% della classe più giovane al +17,7% della più anziana). Questo andamento, afferma il dipartimento, è spiegato dalla concentrazione di nuove aperture da parte di giovani osservate a dicembre 2014, per l’adesione al regime di vantaggio. Il 19,4%, ossia una nuova partita Iva su cinque, infine, è avviato da un soggetto nato all’estero.

Andamento dicembre 2015. Nel mese di dicembre 2015 sono state aperte 40.674 nuove partite Iva, con un incremento rispetto al mese precedente pari +5,1%. Il dato, spiegano le finanze, non è però confrontabile con quello di dicembre 2014. A dicembre 2015 era infatti fissata l’ultima possibilità di aderire al regime fiscale di vantaggio, che dal 1° gennaio 2016 è stato definitivamente sostituito dal regime cosiddetto forfetario. Durante tutto lo scorso anno ai contribuenti è stata data la possibilità di opzione tra i due regimi (prevista dal dl 194/2014 decreto milleproroghe). Questa circostanza spiega l’incremento rispetto al mese di novembre, imputabile al fatto che alcuni contribuenti hanno ritenuto di aderire a regime di vantaggio prima della sua definitiva cancellazione (15.108 soggetti, con un aumento del 62% rispetto a novembre) mentre 2.049 soggetti hanno aderito al nuovo regime forfettario.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa