Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Partite Iva, scivolone del 10,7%

Nel corso del 2015 sono state aperte circa 516 mila nuove partite Iva, in diminuzione del 10,7% rispetto all’anno precedente. Confrontando i due periodi, occorre considerare che il 2014 è stato caratterizzato dall’apertura di un rilevante numero di partite Iva che hanno aderito al regime fiscale cosiddetto di vantaggio.

Inizialmente la scadenza per aderire a tale regime era infatti fissata al 31 dicembre 2014 (successivamente prorogata a dicembre 2015) e questa circostanza ha indotto molti soggetti interessati ad accelerare l’apertura della partita Iva nel 2014. Di conseguenza nel 2015 si è registrato un numero inferiore di aperture. Lo ha reso noto ieri il dipartimento delle finanze. Nel corso del 2015, anno in cui è stato possibile per i contribuenti scegliere tra il regime di vantaggio e il nuovo regime forfettario si sono registrate complessivamente circa 150 mila aperture di partite Iva con adesione a uno dei due regimi agevolati. La distribuzione per natura giuridica mostra che il 71,5% delle aperture di partite Iva è dovuto alle persone fisiche, il 22% alle società di capitali, il 5,6% alle società di persone, mentre il restante 1% è costituito da «non residenti» e «altre forme giuridiche». Rispetto al 2014, solo le società di capitali mostrano un aumento di avviamenti (+6,5%), confermando il trend positivo determinato anche dall’attrattività della nuova forma societaria (Srls – Società a responsabilità limitata semplificata), mentre persone fisiche e società di persone risultano in calo (rispettivamente del 15,2% e dell’8,9%). Riguardo alla ripartizione territoriale delle aperture, il 42,1% di esse è localizzato al Nord, il 22,5% al Centro e il 35,3% al Sud e Isole; il confronto con l’anno precedente evidenzia che in tutto il paese si è registrata una flessione di aperture (dal -17,9% della Provincia autonoma di Bolzano al -2,6% della Puglia), con la sola eccezione della Calabria (+1%). La classificazione per settore produttivo evidenzia che il commercio continua a registrare il maggior numero di aperture di partite Iva (il 23,8% del totale), seguito dalle attività professionali (12,7%) e dall’agricoltura (11%). Rispetto al 2014 tutti i settori principali registrano decrementi del numero delle aperture, più accentuati nelle attività professionali (-34,2%) e nella sanità (-24,1%), nelle quali è tipicamente maggiore l’adesione al regime di vantaggio. In controtendenza solo l’agricoltura (+19,6%), settore influenzato delle novità normative 2015 riguardanti l’Imu sui terreni agricoli, che prevedono agevolazioni per gli imprenditori agricoli professionali. Per le persone fisiche, la ripartizione per sesso è sostanzialmente stabile: il 63% di aperture delle partite Iva riguardano il genere maschile. Circa il 46% delle aperture è dovuto a giovani fino a 35 anni e il 34,6% alla classe 36-50 anni. Il confronto con l’anno precedente mostra riduzioni di aperture per le classi più giovani e un aumento per quelle più anziane (dal -25% della classe più giovane al +17,7% della più anziana). Questo andamento, afferma il dipartimento, è spiegato dalla concentrazione di nuove aperture da parte di giovani osservate a dicembre 2014, per l’adesione al regime di vantaggio. Il 19,4%, ossia una nuova partita Iva su cinque, infine, è avviato da un soggetto nato all’estero.

Andamento dicembre 2015. Nel mese di dicembre 2015 sono state aperte 40.674 nuove partite Iva, con un incremento rispetto al mese precedente pari +5,1%. Il dato, spiegano le finanze, non è però confrontabile con quello di dicembre 2014. A dicembre 2015 era infatti fissata l’ultima possibilità di aderire al regime fiscale di vantaggio, che dal 1° gennaio 2016 è stato definitivamente sostituito dal regime cosiddetto forfetario. Durante tutto lo scorso anno ai contribuenti è stata data la possibilità di opzione tra i due regimi (prevista dal dl 194/2014 decreto milleproroghe). Questa circostanza spiega l’incremento rispetto al mese di novembre, imputabile al fatto che alcuni contribuenti hanno ritenuto di aderire a regime di vantaggio prima della sua definitiva cancellazione (15.108 soggetti, con un aumento del 62% rispetto a novembre) mentre 2.049 soggetti hanno aderito al nuovo regime forfettario.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa