Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Paracadute tedesco sul mercato dei Btp

di Mario Sensini

ROMA — Ora il pacchetto è completo. Sul mercato Eurex, filiazione della tedesca Deutsche Börse, si possono acquistare i futures sui Btp a lungo termine, quelli a breve e, da oggi, anche il nuovo contratto future a medio termine sui Buoni poliennali del Tesoro. Tutto il necessario, «in una fase che ha portato all'allargamento dei differenziali tra i Bund tedeschi e gli altri titoli di Stato europei — sottolinea l'Eurex — per offrire agli operatori un set efficiente e puntuale di strumenti per proteggere le proprie posizioni sul debito dei Paesi europei con un rating inferiore alla tripla A».
Come dire: i futures sull'intero ventaglio delle scadenze dei Btp, gli unici trattati da Eurex insieme a quelli sui Bund tedeschi, come strumento di riferimento per garantirsi sull'andamento dei titoli di Stato di tutti i Paesi della serie B della zona euro. Grecia, Portogallo, Irlanda compresi.
I futures sono contratti che impegnano ad acquistare o vendere a una data futura una determinata quantità di merce, in questo caso titoli di Stato. Indirizzando la quotazione dei titoli «reali» sottostanti quei contratti. I futures sui Btp erano spariti con l'avvento dell'euro, che aveva spostato tutta l'attività di ricopertura sul contratto a termine sui Bund tedeschi, e la decisione di Eurex di resuscitare i contratti sul Btp a dieci anni, il principe dei nostri titoli pubblici, ha già creato qualche problema.
Perché se è vero che gli scambi crescono, i volumi restano ancora irrisori. E i prezzi espressi molto poco significativi. Nei dodici mesi terminati ad agosto i volumi sottostanti i futures sui Btp a lungo termine scambiati sull'Eurex, cresciuti del 45% rispetto a un anno prima, sono ammontati a 107,2 miliardi di euro. Una cifra importante, ma ridicola rispetto a quella movimentata dai futures sui Bund a dieci anni, ai quali ricorrono le tesorerie di tutte le banche europee, che è stata duecento volte più alta, pari a ben 18.865 miliardi di euro. Però nei momenti peggiori della crisi è già successo: le quotazioni dei futures sui Btp hanno condizionato il valore dei Btp «reali» facendone impennare i rendimenti. E da domani c'è un rischio in più.
 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un report pubblicato sul sito della banca centrale avverte che "è vicino il livello critico oltre ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Tesoro e Unicredit ufficializzano la rottura del negoziato su Mps, avviato in esclusiva il 29 lu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Precari da ventenni. Sottopagati da trentenni e quarantenni. Esodati da sessantenni. E poverissimi ...

Oggi sulla stampa