Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pagamenti sempre più hi-tech

Dall’utilizzo dello smartphone come portafoglio virtuale nei negozi, all’uso delle carte di credito in modalità contactless, fino a soluzioni in mobilità via cellulare per la sosta o per il car sharing, i sistemi di pagamento diventano sempre più hi-tech. Un fenomeno che sta cominciando a decollare anche in Italia, dove aumentano le persone che scelgono metodi innovativi, anche grazie a un’offerta che si sta arricchendo ed evolvendo. Secondo l’Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano, i pagamenti innovativi sono in ascesa: nel 2017 hanno superato i 46 miliardi di euro (+50% rispetto al 2016) e la stima è di arrivare a 100 miliardi nel 2020.

«Nel 2017 i pagamenti digitali con carta in Italia sono cresciuti di oltre il 10%, raggiungendo i 220 miliardi di euro, pari al 28% dei consumi delle famiglie italiane», spiega Alessandro Perego, direttore scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. «Le modalità più innovative di pagamento digitale valgono oggi il 21% del totale dei pagamenti digitali con carta, mentre nel 2016 si fermavano al 15%». La componente principale nell’ambito di questi metodi innovativi è costituita dall’acquisto di beni e servizi e dal pagamento di ricariche, bollette e tasse tramite pc e tablet con carta di credito o attraverso il portafoglio virtuale (escluse le operazioni con l’home banking), che valgono 20,3 miliardi di euro, segnando un +10%. Per il futuro però «il contributo maggiore alla crescita sarà probabilmente riconducibile ai pagamenti contactless, quindi semplicemente avvicinando la carta al Pos senza la necessità di inserirla, e ai pagamenti tramite smartphone presso i punti vendita, finalmente in fase di decollo», osserva Valeria Portale, direttore dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce. «Senza dimenticare i servizi di mobilità: oggi sono 8 milioni le soste pagate tramite cellulare, in 50 comuni è possibile attivare un servizio di car sharing e in 110 uno di bike sharing».

I pagamenti contactless con carta aumentano del 150% toccando i 18 miliardi di euro (l’8% del transato con carta), per un totale di 400 milioni di transazioni effettuate (l’11% delle transazioni con carta e oltre il 15% delle transazioni con carta in negozio), e si prevede entro il 2020 un valore tra i 50 e i 90 miliardi di euro. Anche l’infrastruttura a sostegno è ormai consolidata, visto che oltre un Pos su due (1,4 milioni a fine 2017, con un incremento del 40% rispetto al 2016) funziona senza contatto.

Per quanto riguarda i pagamenti tramite smartphone presso i punti vendita (mobile proximity payment) si parla di oltre 70 milioni di transato (erano 10 milioni scarsi del 2016), grazie alla crescita dei servizi basati sul conto corrente e all’arrivo di Apple Pay. Sono circa 500 mila gli utenti attivi e nell’arco di due anni si potrebbe arrivare a una cifra tra i 3,2 e i 6,5 miliardi di euro. Anche gli acquisti di beni e servizi tramite siti mobili o app (il mobile remote commerce) sono in incremento (+65%) superando i 5,8 miliardi di euro di transato (valeva 3,5 miliardi nel 2016) pari a circa il 25% del totale nell’e-commerce.

A rallentare un po’ sono i pagamenti con il cellulare di ricariche telefoniche, bollette, parcheggi, biglietti del trasporto, noleggi auto e taxi (il mobile remote payment), seppur in crescita del 35% rispetto al 2016 per un totale di quasi 800 milioni di euro. Una componente molto dinamica è rappresentata dai servizi di mobilità (oltre 120 milioni di euro, a +33%): aumenta infatti il pagamento dei parcheggi via mobile, oltrepassando i 27 milioni di euro (+63%), e anche il car sharing e il bike sharing, che insieme raggiungono 76 milioni di euro (+41%). «Il noleggio delle auto o delle bici on demand tramite smartphone sta diventando un’abitudine per il 37% della popolazione italiana, che comprende non solo i turisti che si trovano di passaggio nelle città abilitate, ma anche i residenti delle grandi città», osserva Ivano Asaro, direttore dell’Osservatorio. Considerando poi il transato dei mobile Pos, si tratta di 900 milioni di euro (+9%), con 90 mila unità attive (+6%), ciascuna delle quali transa in media circa 10 mila euro; entro il 2020 i mobile Pos attivi potrebbero arrivare a transare 1,1-1,3 miliardi di euro all’anno. Le direttrici di innovazione che il mondo dei pagamenti seguirà vanno «dal mobile wallet evoluto che integra pagamento digitale e carte fedeltà, all’autorizzazione dei pagamenti attraverso i tratti biometrici della persona, ai trasferimenti di denaro in meno di 10 secondi in modalità peer to peer. Si riconfermano i principali trend che riguardano i pagamenti tramite smartphone, l’evoluzione delle nuove monete virtuali, oltre all’intelligenza artificiale applicata al mondo delle transazioni; senza dimenticare le applicazioni legate all’internet delle cose, con automobili in grado di pagare il parcheggio e frigoriferi capaci di effettuare la spesa in autonomia», conclude Asaro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa