Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Pagamenti fino a 15 mila euro Il bonifico diventa istantaneo

Appena 10 secondi per inviare e ricevere denaro fino a 15 mila euro. Dal 21 novembre scorso è partita anche in Italia la rivoluzione dei pagamenti istantanei, il nuovo schema di bonifico europeo che consente di trasferire denaro in modo pressoché immediato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per 365 giorni all’anno. Fine settimana e vacanze comprese. Un vero e proprio spartiacque nel sistema di gestione delle transazioni finanziarie, pensato per contrastare il proliferare dei pagamenti elettronici, terreno di caccia dei colossi del fintech.

Il nuovo sistema di bonifico europeo (SCT Inst), avviato inizialmente in Italia da Banca Sella, Intesa Sanpaolo e UniCredit, permette dunque di trasferire in pochi secondi denaro tra conti correnti situati in tutti i Paesi che fanno parte della Sepa, l’area unica dei pagamenti in euro.

Trasferimenti immediati ma non più annullabili come avveniva una volta, imponendo dunque maggiore attenzione e accuratezza al momento dell’invio di denaro.

L’altra faccia della medaglia è rappresentata dall’immediatezza con cui il beneficiario di un bonifico potrà disporre del denaro versato. Sancita anche dalla notifica immediata della ricevuta che attesta il buon esito della transazione.

Un sistema rivoluzionario per il sistema bancario italiano, gestito nella Penisola attraverso la piattaforma RT1 Eba Cleaning sviluppata dall’Italiana SIA.

«Con i bonifici istantanei l’Europa fa un altro passo in avanti verso una sempre maggiore integrazione del mercato dei pagamenti e verso una società ancora più moderna ed evoluta, con meno contante e più strumenti elettronici innovativi, veloci e sicuri», ha spiegato il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. «I pagamenti elettronici istantanei, infatti, coniugano la sicurezza e la rapidità a cui ci hanno abituato le carte con i vantaggi del denaro contante: facilità d’uso e disponibilità immediata dei fondi. Proprio per questo possono rappresentare un alleato importante nella lotta al contante, soprattutto in un paese come il nostro ancora fortemente legato all’uso del cash».

Il nuovo schema di bonifico istantaneo, già disponibile, oltre che in Italia, anche in Austria, Estonia, Germania, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi e Spagna, è partito in sordina coinvolgendo a oggi appena 17 istituti di credito (di cui 3 italiani). E questo, per le difficoltà legate all’adeguamento dei servizi informatici capaci di gestire il flusso di informazioni in modo rapido e soprattutto sicuro. Ma le previsioni dell’Eba parlano di oltre 500 tra banche e fornitori di servizi di pagamento che di qui ai prossimi 12 mesi convertiranno i propri servizi tradizionali verso i bonifici istantanei.

Ma quali sono i costi per questo servizio? Le previsioni degli operatori parlano di un aggravio di spesa compreso tra i 25 e i 50 centesimi di euro rispetto al costo di un normale trasferimento di denaro. E i dati raccolti sul mercato di casa nostra sembrano confermare questi valori. Intesa Sanpaolo, infatti, ha reso noto di applicare un incremento di costo pari a 0,6 euro al prezzo ordinario di un bonifico online Sepa (del valore di un euro). Ma solo in via temporanea. Non appena verrà infatti rimosso il limite massimo dei 15 mila euro di transazione, il costo del bonifico istantaneo dovrebbe scendere allo 0,004% dell’importo trasmesso. Con un limite massimo di 20 euro per operazioni di valore non superiore al mezzo milione di euro.

Prezzi un po’ più elevati, almeno inizialmente, quelli previsti in case Unicredit dove il bonifico istantaneo avrà un costo di 2,5 euro. Ma in questo caso, a pesare, non è tanto il rincaro applicato sul trasferimento immediato di denaro quanto piuttosto il costo di partenza del bonifico tradizionale, indicato dalla banca in 2,2 euro per i possessori di un conto Genius.

Infine Banca Sella. In questo caso, la fase sperimentale dell’operatività del bonifico istantaneo non verrà ricaricata di costi aggiuntivi. A partire da marzo del prossimo anno, tuttavia, passata la fase iniziale di sperimentazione, il trasferimento immediato di denaro avrà un costo di 2,30 euro per ogni operazione.

Tancredi Cerne

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa