Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Padoan: ora sconti fiscali alle imprese

«Non è solo la tassa sulla casa che viene aggredita. Nella prossima legge di Stabilità stiamo pensando di estendere un ulteriore abbattimento della tassazione a favore della competitività d’impresa». Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, anticipa alla platea di imprenditori e finanzieri del workshop Ambrosetti un punto qualificante della prossima legge, rivendicando sia la scelta di tagliare la tassazione sugli immobili sia il nuovo intervento sulle imprese. 
Padoan può promettere interventi di riduzione delle tasse perché «la finanza pubblica italiana è sul sentiero del risanamento, le misure di policy mix sono efficaci come ha riconosciuto anche il G20. Stiamo uscendo da una recessione con condizioni migliori del passato» grazie al Jobs act e anche alle riforme istituzionali «che non è vero che non contano». Ora il taglio delle tasse: una strategia complessiva nella quale «sarebbe strano se non ci fosse l’eliminazione della tassa sulla prima casa che riguarda l’80% dei cittadini italiani». E il direttore dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi ha dichiarato che per il rientro dei capitali sono «già 10 mila le richieste della voluntary disclosure». Erano appena mille a maggio. Per la lotta all’evasione «abbiamo milioni di dati che fino a pochi mesi fa erano segreti».
La ripresa è ormai consolidata: l’obiettivo di +0,7% del Pil di fatto raggiunto e dal 2016 il debito «comincerà a scendere». Ma il Paese viaggia a due velocità. Da qui la necessità di affrontare «seriamente» la «divergenza storica» tra Nord e Sud, spiega Padoan in mattinata alla Cnbc : «C’è un’enfasi specifica per gli investimenti pubblici in infrastrutture per il Sud di cui c’è un grande bisogno. E possibilmente, su misure di sgravio fiscale per il Sud, a patto che siano coerenti con le regole Ue».
L’interlocuzione con Bruxelles è fondamentale: non si può rischiare che le misure allo studio, come per esempio gli ipotizzati interventi sull’Ires, vengano bocciati in corso d’opera come «aiuti di Stato». Già un tassello fondamentale per la ripresa come la bad bank si è scontrata con le regole Ue, venendo accantonata. Ora Padoan è «alle battute finali» con Bruxelles su una misura differente: un sistema statale di garanzie indirette per far ripartire il mercato dei crediti deteriorati. «L’esperienza ci dice che dopo una crisi ne esce rapidamente chi mette a posto prima il sistema finanziario», sostiene Padoan che ricorda gli interventi pubblici a favore degli istituti di Germania, Usa e Spagna, la quale ha utilizzato fondi europei e fatto ricorso al deficit, due strade però che l’Italia non può battere: «Forse ce ne si è accorti troppo tardi, bisognava fare qualcosa prima».
Per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, «l’impresa è stata considerata troppo spesso il luogo dello sfruttamento, così abbiamo contratti nei quali non è mai considerato il rapporto tra il lavoratore e l’opera del suo lavoro». Mentre il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, vuole sviluppare nelle scuole «l’educazione all’auto-imprenditorialità per diffondere il principio della responsabilità individuale delle scelte ».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa