Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Come ottenere più in fretta i fondi, ad aprile il decreto salirà a 30 miliardi

ROMA Mentre la fase uno della risposta all’emergenza economica si scontra con la difficoltà di far arrivare subito i sussidi e la liquidità a lavoratori e imprese, il governo lavora alla fase due, con tre obiettivi. Primo: fermare sul nascere ogni rischio di tensioni sociali inviando ai Comuni le risorse per aiutare chi non ha i soldi per fare la spesa. Secondo: allargare, con il decreto legge che sarà varato ad aprile e che già si dice sarà di 30 miliardi, i sostegni a chi è rimasto fuori dai primi interventi decisi col decreto Cura Italia. Terzo: dare continuità e rafforzare i sostegni già messi in campo. Potrebbero essere sospese fino all’autunno l’Imu (la cui prima rata è dovuta entro il 16 giugno) e la Tari.

Ieri a tenere banco è stato il tema del Reddito di emergenza, come lo chiamano i 5 Stelle, o del Reddito di quarantena, come dicono il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, o Leu, mentre il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, parla di un rafforzamento del Reddito di cittadinanza. Le richieste di un assegno da erogare a tutti coloro che sono rimasti senza guadagni ma non hanno accesso ai sostegni decisi col dl Cura Italia è sul tavolo del governo. La priorità verrà data a circa 2 milioni di lavoratori che sono rimasti fuori dal primo decreto.Si tratta dei lavoratori domestici (850 mila, quelli in regola) e di quelli saltuari, compresi quelli a termine cui non verrà rinovato il contratto, che possono contare solo su una Naspi (indennità di disoccupazione) insufficiente perché legata alle settimane di contribuzione. Ma il quadro è complicato dalla presenza del lavoro irregolare (grigio e nero), che secondo l’Istat riguarda 3,7 milioni di persone. Chi non svolge un lavoro regolare non può accedere ai sostegni. Di qui l’idea di un Reddito di emergenza. Che però, se non fatto bene, rischia di finire anche nelle tasche di chi vive delinquendo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa