Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ossigeno Bce alla Grecia lunedì il piano di riforme Italia, Pil +0,2% in 3 mesi

Si avvicina il momento della verità sulla Grecia. Con Atene destinata a rimanere a secco di liquidità già nelle prossime settimane, intorno al 20 aprile, e l’Unione che vuole chiudere l’accordo sul nuovo salvataggio entro Pasqua perché altrimenti non ci sarebbero i tempi tecnici per far arrivare i soldi a Tsipras in tempo utile, lunedì prossimo si capirà finalmente se europei ed ellenici sono pronti a trovare un accordo dopo i mesi di accuse, ricatti e dietrofront seguiti alla vittoria elettorale di Syriza.

Ieri l’ultima spallata verso l’accordo è arrivata dagli sherpa dell’Eurogruppo che in assenza di un accordo complessivo sul salvataggio (riforme in cambio di soldi) hanno negato ai greci gli 1,2 miliardi che Tsipras chiedeva al Fondo Salva-Stati dell’Unione sostenendo che gli fossero dovuti per un errore di calcolo precedente (ascrivibile ad Atene) e che gli avrebbero permesso di guadagnare nuovo tempo nell’estenuante negoziato con i creditori. E poco importa che sempre ieri la Bce abbia aumentato il tetto dei prestiti di emergenza alle banche elleniche portandolo da 69,8 miliardi a oltre 71: sono soldi che permetteranno agli istituti di Atene di rimanere liquidi giusto fino a Pasqua.
Sembra reggere l’ultimatum di 10 giorni che i leader dell’euro hanno riservatamente dato a Tsipras nella riunione notturna di venerdì scorso a Bruxelles. Non a caso dopo la decisione degli sherpa sugli 1,2 miliardi Atene ha fatto sapere che entro lunedì arriverà la sospirata lista di riforme necessaria affinché i ministri delle finanze della moneta unica sblocchino l’ultima tranche del secondo piano di salvataggio, i 7,2 miliardi che permetterebbero ai greci di arrivare fino a giugno, quando si rinegozierà tutto l’impianto di aiuti. Sul fronte riforme, i punti sensibili sono privatizzazioni (che Tsipras ha bloccato) e la lotta all’evasione, secondo gli europei non abbastanza ambiziosa. Il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker, ha affermato che «il percorso con la Grecia è rientrato in una dinamica normale, penso che chiuderemo». E il governatore della banca centrale greca Yannis Stournaras conferma: la Grecia è «molto vicina» ad un accordo con i partner europei. In caso di intesa la Bce verserebbe subito 1,9 miliardi e il resto dei soldi arriverebbe ai primi di maggio. Un dettaglio però può ancora rallentare l’accordo: se l’Eurogruppo è pronto a riunirsi in qualsiasi istante per ratificare l’accordo, già lunedì, gli europei vogliono che la lista di riforme venga scritta insieme ai funzionari dell’ex Troika per essere certi che le misure questa volta siano soddisfacenti. Ma si sa quanto Tsipras e Varoufakis siano allergici ai man in black di Fmi, Bce e Ue che hanno versato ad Atene 240 miliardi e vogliono garanzie prima di darne altri.
Intanto il ministro Padoan ha affermato che «la fiducia sull’Italia si sta consolidando», che «il quadro macroeconomico internazionale è più favorevole con le economie europea ed italiana che stanno entrando in una finestra di opportunità», anche se non torneremo «ad una situazione pre-crisi». La Confindustria ha invece stimato un Pil dello 0,2% per il primo trimestre 2015.
Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il terzo polo? Non è un'ossessione. Banco Bpm in saluto. Balliamo anche da soli. Leggi l'artico...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Lo studio della School of Management del Politecnico. Il virus ha certamente favorito l'uso del den...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prende corpo il progetto di allargare l’Ape sociale e renderla strutturale, come forma per antici...

Oggi sulla stampa