Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Orologeria e iPhone a braccetto

di Jarvis Macchi  

IPhone e iPad a braccetto dell'alta orologeria. Molte case di lusso hanno scelto i dispositivi di Apple per dialogare con i loro appassionati. Arrivando direttamente nella tasca dei clienti con video e notizie. Così se Iwc Schaffausen mostra il suo catalogo sul telefonino, Vacheron Constantin e Audemars Piguet hanno scelto un canale podcast per diffondere i loro video.

L'applicazione iPhone di Bell&Ross consente invece di giocare a personalizzare il proprio orologio, mentre in otto lingue è stata pensata l'applicazione iPhone di Breitling, che consente di avere tutte le informazioni relative ai modelli oltre a delle immagini a 360 gradi degli orologi.

Particolare è anche il caso di Barozzi, nota gioielleria di Brescia, che ha creato un'applicazione con la presentazione dei modelli, lo store locator e la possibilità di diventare fan della gioielleria su Facebook.

In iTunes non mancano quei marchi che hanno deciso di innovare veramente, creando dei veri esempi di brand content in versione mobile, fornendo non solo informazioni sui loro modelli, ma collegando il prodotto ai suoi valori di marca.

Come Dior che, per il suo orologio subacqueo Chiffre Rouge, ha creato un'applicazione che, oltre a presentare il segnatempo, fornisce le indicazioni sui migliori siti di diving nel mondo, la spiegazione dei segnali marittimi e del codice morse.

Il marchio di orologi sportivi Linde Werdelin ha invece creato una guida per iPhone che consiglia gli indirizzi più lussuosi delle località sciistiche più famose di Italia, Francia e Svizzera.

Nell'applicazione ci sono anche le ultime previsioni meteo aggiornate in tempo reale, informazioni sul pericolo valanghe e suggerimenti per gli itinerari più suggestivi. L'idea nasce dalla passione per la montagna dei fondatori del marchio, come spiega Jorn Werdelin: «In 40 anni siamo entrati in contatto con le più belle località sciistiche, ristoranti, hotel e persone», racconta. «Abbiamo voluto trasmettere le nostre impressioni fin dall prima guida sci creata nel 2006. L'idea è nata perché, data la nostra passione per la montagna, molti nostri amici ci chiedevano costantemente informazioni e consigli sulle località sciistiche». Si tratta di uno dei pochissimi casi di applicazioni a pagamento (6,88 euro) realizzati da un brand e presenti nell'Apple Store.

Il tema del viaggio e l'idea della guida ha stuzzicato anche la fantasia di Van Cleef & Arpels che, per presentare la collezione Une journée a Paris, ha creato un tour virtuale per il telefonino francese. L'applicazione è gratuita ed è collegata sia a Facebook che a Foursquare, per indicare la propria presenza nei luoghi descritti dalla guida e condividere l'esperienza con i propri amici.

Una vera e propria scuola di alta orologeria via iPhone è stata invece creata da Jaeger-LeCoultre, per trasformare gli appassionati della marca in veri apprendisti orologiai. Sul proprio telefonino i fan della manifattura di Le Sentier potranno scaricare una serie di dispense, che appariranno ogni quindici giorni all'interno dell'applicazione, per acquisire la maestria dei tecnici della maison nell'assemblare, smontare e produrre anche i calibri più complicati.

L'applicazione Jaeger-LeCoultre invita inoltre alla scoperta dei modelli più rappresentativi della Maison. «Per una marca come la nostra la tecnologia è molto» spiega Jérôme Lambert, ceo della manifattura del gruppo Richemont, «ci sono diversi intermediari fra noi e il cliente finale, quindi la possibilità di avere un contatto diretto e vedere la risposta del cliente per noi è fondamentale».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa