Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ora in tutta Europa il bonifico è diventato davvero istantaneo

Da ieri è possibile inviare un bonifico istantaneo che rende possibile trasferire denaro da un conto all’altro in 10 secondi con accredito immediato per il beneficiario e conferma immediata al pagatore (instant payment). Il servizio è attivo in tutti i 34 Paesi aderenti alla Sepa (Single Euro Payments Area), cioè nei 28 Paesi dell’Ue più Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Principato di Monaco, San Marino e Dipendenze della Corona Britannica (cioè isola di Man e le isole del canale della Manica).

Il big bang avviene contemporaneamente in tutti questi paesi in maniera armonizzata, proprio perché fanno parte dell’area unica dei pagamenti in euro, dove ormai da tempo è possibile effettuare pagamenti in euro con strumenti alternativi al contante a favore di qualsiasi beneficiario situato in qualunque paese Sepa ad esempio tramite bonifico, addebito diretto o carta di debito, sostenendo gli stessi costi che si applicherebbero a un trasferimento di denaro entro i confini del nostro paese.

Proprio per la loro velocità, i pagamenti istantanei non sono revocabili e il limite massimo bonificabile è stato fissato a 15 mila euro.

Questo servizio è attivo tramite internet banking, smartphone e ecommerce tutti i giorni della settimana, dal lunedì alla domenica, 24 ore su 24. È quindi un ulteriore passo avanti rispetto al tradizionale bonifico che si può disporre attualmente con i servizi di internet banking. Questi, sinora, permettevano soltanto di impostare l’ordine di un bonifico, ma non di effettuare il pagamento, se l’ordine veniva inserito al di fuori dell’orario di attività degli sportelli bancari. Da ieri, invece, i servizi di internet banking prevedono la possibilità di optare per un bonifico istantaneo.

L’operazione, naturalmente, ha però un suo costo, ragionevolmente più alto di quello applicato per il bonifico tradizionale e ci si aspetta che vengano fatte pagare commissioni anche ai beneficiari. Anche perché la transazione, per andare a buon fine oppure per essere rifiutata in pochi secondi, presuppone l’azione concertata dei fornitori di servizi di pagamento per lo sviluppo della tecnologia idonea, l’adeguamento delle procedure di sicurezza e la disponibilità dei rispettivi sistemi 24 ore su 24. Operazioni preparatorie, queste, che hanno richiesto tutta una serie di investimenti in tecnologia. Non solo. Le commissioni che sono chieste a beneficiari e fornitori serviranno anche a coprire il costo per pagamento che le banche devono pagare al sistema di settlement istantaneo che utilizzano.

Eba Clearing ha sviluppato il suo sistema di settlement istantaneo, battezzato Rt1, che peraltro è stato realizzato dall’italiana Sia e che è operativo da novembre. Eba Clearing, peraltro, si è organizzata per tempo anche sul fronte e-commerce e, tramite la sua controllata Preta sas, ha sviluppato MyBank, una soluzione di pagamento europea grazie alla quale è possibile acquistare prodotti e servizi online (oltre che pagare le utenze) direttamente dal proprio home banking.

La particolarità di questa soluzione, integrata con oltre 240 banche, è che scegliendo MyBank tra i metodi di pagamento online, si viene ricondotti direttamente alla pagina di accesso della propria banca in cui inserire user id e password del proprio conto online. L’utente troverà così in automatico il bonifico precompilato e pronto per essere autorizzato. Così, ora che il bonifico istantaneo è operativo, questa può essere una delle opzioni da scegliere per i pagamenti e-commerce, particolarmente utile per esempio nel caso di pagamenti tra privati che non si conoscono.

Sarà invece operativo soltanto nel novembre 2018 il Target instant payment settlement (Tips), il sistema di settlement istantaneo predisposto dalla Bce e parte del sistema Target2. La Banca Centrale europea ha comunque già reso noto che il costo richiesto alle banche sarà di un massimo di 20 centesimi per pagamento per i primi due anni di servizio. In tutto questo contesto, naturalmente, Swift, da parte sua, si è attrezzata per assegnare i codici di tracciamento internazionale a tutti i bonifici istantanei che verranno regolati sia tramite Tips sia tramite Rt1.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa