Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ops Rcs: Cairo si riserva di accettare anche il 35%

Cairo si riserva di rinunciare alla condizione di raggiungere il 50% del capitale Rcs, a patto di arrivare almeno al 35% più un’azione, considerando che questa soglia consenta di « esercitare il controllo di fatto». Una quota che permetterebbe di esercitare per lo meno una “minoranza di blocco” nelle assemblee straordinarie, ma è evidente che, se si realizzasse una tale situazione e considerato lo stato ancora “convalescente” di Rcs, giocoforza occorrerebbe trovare un accordo tra tutti gli stakeholder, vale a dire non solo i soci più o meno stabili, ma anche le banche creditrici, che sono esposte per oltre 420 milioni. È?questa l’informazione più rilevante contenuta nell’integrazione sollecitata da Consob in vista dell’assemblea di Cairo che domani dovrà approvare l’aumento di capitale riservato agli aderenti all’Ops.
Questo non annulla la sospensione dei termini, disposta venerdì dalla Consob, per l’autorizzazione a pubblicare il prospetto dell’Ops. Mancano ulteriori informazioni che dovranno essere inoltrate (nel giro di qualche giorno) direttamente all’Authority, che poi deciderà quando far ripartire il conto alla rovescia: a quel punto la Consob avrà ancora un massimo di nove giorni di calendario (quelli residui al momento della sospensione) per completare l’esame del prospetto.
Dalle informazioni fornite ieri si apprende che anche l’altra condizione sospensiva, quella relativa all’accordo di moratoria con le banche creditrici fino all’assemblea per l’approvazione del bilancio 2017, è «in tutto o in parte rinunciabile o modificabile». L’offerente, precisa il documento, si riserva di rinunciare e/o modificare la condizione finanziaria qualora le banche finanziatrici «abbiano manifestato a Cairo Communication la disponibilità ad assumere l’impegno a finanziare Rcs – o a mantenere i finanziamenti in essere – per importi e termini di rimborso idonei a consentire a quest’ultima di mantenere la continuità aziendale». È precisato inoltre che Cairo intende avviare trattative con le banche del pool dopo la pubblicazione del prospetto. Peraltro non è ancora stato chiuso il negoziato che, di suo, Rcs ha in corso sul debito e che potrebbe modificare parzialmente il quadro.
Quanto al piano industriale – «tre anni» di tempo per raggiungere gli obiettivi – a grandi linee ricalca quello attuale dell’azienda, con la sottolineatura della «razionalizzazione della struttura dei costi industriali del gruppo Rcs» e l’aggiunta delle «sinergie attivabili attraverso la collaborazione con Cairo Communication», che tuttavia non sono state quantificate. Le sinergie riguardano servizi condivisi tra Rcs e Cairo per la riduzione dei costi di struttura, l’integrazione delle attività di distribuzione, economie di scala per l’acquisto di beni e servizi, ricerca di sinergie tra concessionarie pubblicitarie, anche con la razionalizzazione dei costi sul territorio, la possibile concentrazione della produzione dei periodici del gruppo Cairo e del gruppo Rcs in centri di stampa comuni. Si ritiene inoltre che «i profili socio-economici dei lettori del Corriere della Sera e del pubblico di La7 abbiano un buon livello di sovrapposizione che consente di realizzare sinergie utili ad accrescere diffusione, ascolti e raccolta pubblicitaria».
Da segnalare infine che in Borsa il titolo Rcs continua a essere a premio di circa 5 centesimi rispetto al prezzo implicito nell’offerta. Cairo infatti ha chiuso a 4,48 euro (-2,1%), Rcs a 0,587 euro (-2,17%), mentre al concambio d€i 0,12 il prezzo sarebbe di 0,5376 euro.

Antonella Olivieri

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa