Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Open Fiber all’esame dell’Ue: ultima chance per la rete unica

Il nodo della rete unica arriverà presto al pettine. La via è quella traversa del riassetto di Open Fiber, che dovrebbe essere notificato all’Antitrust Ue nelle prossime settimane se si vuole tenere il passo con la tabella di marcia, che prevede per novembre il closing dell’operazione, con Cdp che salirà dal 50% al 60% del capitale e Macquarie che rileverà il restante 40% subentrando a Enel come partner finanziario nella società della fibra. Al momento a Bruxelles, subito dopo Ferragosto, è stata inoltrata solo una prenotifica, senza che, ufficialmente, ci siano stati ulteriori sviluppi. La prenotifica serve a chiarire preliminarmente i dubbi, in modo da poter passare il vaglio dell’Authority pro-concorrenza già in fase 1, cosa che richiederebbe al massimo 30 giorni per arrivare al nullaosta.

Cdp, prossima a salire alla maggioranza assoluta di Open Fiber, è anche azionista al 9,9% di Telecomn Italia, una partecipazione che può essere considerata di natura finanziaria dal momento che si è fermata sotto la soglia del 10% che segna lo spartiacque tra società collegate o meno. Senonché nel board di Telecom – rinnovato la primavera scorsa ricorrendo, per nominare dieci consiglieri su 15, al meccanismo della lista del cda – siede anche Giovanni Gorno Tempini che è presidente della Cassa e della stessa Cdp equity, ovvero del diretto azionista di Open Fiber.

Ma soprattutto il punto è che in origine le due partecipazioni avrebbero dovuto essere messe a fattor comune per dar vita alla cosiddetta “rete unica”, tramite l’integrazione tra l’infrastruttura dell’incumbent e quella della sfidante. In che modo? Lo spiega con un discreto grado di dettaglio il memorandum of understanding siglato l’ultimo giorno di agosto di un anno fa da Telecom e Cdp, memorandum che, nonostante sia stato ampiamente disatteso nella tempistica, non è mai stato dichiarato decaduto da nessuna delle due parti in gioco. Anzi, l’ad di Telecom, Luigi Gubitosi, ne ha ricordato pubblicamente l’esistenza ancora in tempi relativamente recenti.

Il documento prospetta il conferimento della rete primaria di Telecom in Fibercop, newco in partnership con il fondo di private equity Usa Kkr, nella quale è stata poi effettivamente trasferita la rete secondaria dell’incumbent. Ne sarebbe dovuta nascere una nuova società della rete, da battezzare AccessCo, il tutto finalizzato alla fusione con Open Fiber.

Nel testo si dice espressamente che Telecom si sarebbe impegnata «a far tutto quanto in suo potere per ottenere da Kkr il diritto di Cdpe (Cdp equity, ndr) di acquisire, anche tramite aumento di capitale, una partecipazione in FiberCop fino a una quota paritetica a quella di Kkr», prevedendo che Cdp avrebbe potuto «esercitare tale diritto alla data di efficacia della fusione».

Preliminare all’unione tra le due infrastrutture sarebbe dovuto essere «l’acquisto della quota di Enel in Open Fiber a cura di Cdpe e Kkr o altri investitori». Passaggio quest’ultimo che, con la conclusione delle trattative col fondo infrastrutturale australiani Macquarie, è stato definito solo il mese scorso, sebbene l’mou prevedesse che «la negoziazione dei contratti relativi all’operazione, inclusi i profili economico/finanziari» sarebbe dovuta avvenire «entro e non oltre il 28 febbraio 2021» e «comunque non oltre il closing dell’operazione relativa a FiberCop».

Ora, è immaginabile che prima di dare il via libra al riassetto di Open Fiber, Bruxelles possa avere interesse a chiarire se si tratta di un’operazione a sé stante oppure prodromica al progetto di rete unica, concepito peraltro in tutt’altro contesto governativo. Un progetto che prevede il controllo congiunto tra Telecom e Cdp, ma anche la facoltà da parte della compagnia di tirarsi indietro se, all’esito del processo, si trovasse a detenere una quota inferiore al 50,1%, nell’impossibilità cioè di consolidare la rete all’interno del gruppo. In questo caso, precisava l’mou, «Tim potrà decidere, unilateralmente e senza conseguenza alcuna, di non procedere nell’effettuazione dell’operazione».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo Google, anche Facebook firma un accordo che apre la strada alla remunerazione di una parte del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se lavori, niente assegno di invalidità. Lo dice l’Inps nel messaggio 3495 del 14 ottobre scorso...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ripensare, allungare, integrare Quota 102-104, eredi di Quota 100, per anticipare la pensione: tutt...

Oggi sulla stampa