Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ok al decreto Cura Italia da 25 mld

Abbiamo approvato il decreto con le misure economiche da 25 miliardi, è una manovra poderosa: si attivano 350 miliardi di flussi». Lo ha dichiarato il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, al termine del Consiglio dei ministri sull’emergenza coronavirus. «Nessuno deve sentirsi abbandonato», ha aggiunto. Un maxi decreto, per aiutare le famiglie e il sistema produttivo italiano in un momento difficilissimo, costituito da 122 articoli e 100 pagine presentato in conferenza stampa dallo stesso premier e dai ministri dell’Economia, Roberto Gualtieri, e del Lavoro, Nunzia Catalfo. Un provvedimento che «non basterà». Intanto, però, sono state impegnate «tutte le risorse disponibili».

Cinque i punti principali del decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri. Il primo riguarda il finanziamento aggiuntivo di 3,5 miliardi per il Sistema sanitario nazionale e la Protezione civile. Il secondo asse di intervento, le misure di sostegno per l’occupazione, la difesa del lavoro e del reddito, «affinché nessuno perda il posto di lavoro» a causa del coronavirus. Si tratta di più di 10 miliardi di euro. Catalfo ha spiegato che sono previste risorse per 1,3 miliardi per il Fondo di integrazione salariale e 3,3 miliardi per la cassa integrazione in deroga che andrà a coprire anche le imprese «con un solo dipendente». Gualtieri ha confermato la copertura «di tutti i lavoratori autonomi, stagionali e di altre forme con un assegno di 600 euro relativamente al mese di marzo». Per gli autonomi e i liberi professionisti, ha aggiunto Catalfo, «questo primo decreto stanzia circa 3 miliardi a tutela del periodo di inattività» (c’è la sospensione dei contributi previdenziali). Prevista l’estensione del congedo parentale a 15 giorni e un voucher baby-sitter da 600 euro (1,6 miliardi stanziati con un bonus ulteriore «speciale» per il personale sanitario) per chi ha bisogno di curare i figli. I permessi della legge 104, per il periodo marzo-aprile saranno estesi a 12 giorni (500 milioni stanziati). I licenziamenti saranno congelati a partire dalle procedure avviate dal 23 febbraio, da quando cioè è scoppiata l’emergenza sanitaria. Per i lavoratori in quarantena, si conferma il computo del periodo di astensione dal lavoro come malattia.

Per quanto riguarda il credito, Gualtieri ha annunciato la sospensione delle rate di mutui e dei prestiti, con garanzie pubbliche e confermato la sospensione degli obblighi di versamento di tributi e contributi: il ministro dell’Economia parla di un differimento al 31 maggio «per le imprese che fatturano fino a 2 milioni» e anche oltre questo limite per le categorie colpite direttamente dalla crisi. Il ministro dell’Economia ha anticipato provvedimenti in favore delle categorie colpite direttamente dalla crisi, come il trasporto merci.

Confermato l’intervento pro Alitalia» nel decreto sull’emergenza Coronavirus: la compagnia sarà a controllo statale. «In considerazione della situazione determinata sulle attività di Alitalia – Società Aerea Italiana S.p.A. e di Alitalia Cityliner S.p.A. entrambe in amministrazione straordinaria dall`epidemia da Covid-19», si legge, «è autorizzata la costituzione di una nuova società interamente controllata dal ministero dell’Economia e delle Finanze ovvero controllata da una società a prevalente partecipazione pubblica anche indiretta».

Fmi stanzierà mille miliardi per i paesi in crisi. La direttrice Kristalina Georgieva ha comunicato che sono già stati firmati 40 accordi per prestiti per 200 miliardi.

Di fronte alla crescita dell’emergenza da coronavirus, l’Ue sta valutando sta valutando la chiusura dell’area Schengen. Tuttavia, se l’Europa potrebbe decidere di bloccare gli arrivi da altri Paesi chiede espressamente di non chiudere le frontiere interne per garantire la circolazione di cibo e medicine. La Commissione europea sottolinea infatti nelle sue linee guida che il Covid-19 è già presente in tutti gli Stati membri ed insiste perché il mercato interno venga salvaguardato. Oggi in videoconferenza si svolgerà un vertice straordinario dei leader europei.

Bloccati i collegamenti passeggeri con la Sicilia. La decisione è del governo italiano sulla falsariga di quanto avvenuto con la Sardegna (dopo la richiesta di Regione Sicilia). Stop ai traghetti e voli ridotti: si potrà viaggiare solo «per lavoro, salute o necessità». Regione Valle d’Aosta ha vietato l’ingresso ai non residenti.

Sono 23.073 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento in un giorno di 2.470. Un numero in flessione: domenica l’aumento era stato di 2.853. Sono 2.749 le persone guarite dopo aver contratto il coronavirus, 414 in più di domenica. Le vittime sono 2.158 (1420 in Lombardia), con un incremento di 349 (domenica l’incremento quotidiano era stato di 368).

I casi di Covid-19 fuori dalla Cina hanno superato per la prima volta quelli nel Paese asiatico. Nel mondo, secondo l’ultimo bollettino della John Hopkins University, i contagiati sono 87 mila, contro gli 80.860 dichiarati dalle autorità cinesi. Fuori dalla Cina sono morte 3.241 persone, contro le 3.208 in Cina.

Borse europee a picco. Su Milano pesa il -19% di Fca per la chiusura delle fabbriche fino al 27 marzo. Piazza Affari sprofonda fino a perdere il 10% come nell’ estate 2012, poi chiude a -6,1%. Vola lo spread a oltre 240 punti. Rendimento dei Btp a 10 anni al 2%. La Bce: pronti a un nuovo intervento. La banca centrale americana ha portato i tassi su una forchetta tra 0 e 0,25%, livello che non si vedeva dalla crisi globale del 2008 e che «resterà fino alla fine dell’epidemia». Lanciato un Quantitative easing da 700 miliardi di dollari. «Una notizie fenomenale», l’ha definita il presidente Donald Trump, dopo il suo pressing sul governatore Jerome Powell. «Sono contento e penso che anche i mercati dovrebbero esserlo», ha accolto la decisione il presidente.

L’economia della Cina registra i danni sferrati dal coronavirus: -13,5% la produzione industriale; -20,5% le vendite al dettaglio; -24,5% gli investimenti in attività. La Banca centrale cinese (Pboc) ha immesso sui mercati 100 miliardi di yuan (14,28 miliardi di dollari circa) attraverso una linea di credito di medio-termine (Mlf) a un anno e al tasso d’interesse del 3,15%.

Il presidente dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri (Aaroi-Emac) Alessandro Vergallo, ha scritto una lettera al presidente della Repubblica, spiegando che «in Lombardia le scorte di mascherine basteranno ancora solo per un paio di giorni». «Si rischia di paralizzare o rallentare l’efficacia dell’impegno», si legge, «nel tentativo di salvare il maggior numero di vite umane».Le lavorazioni sartoriali di alcuni istituti penitenziari dove vengono impiegati i detenuti potrebbero essere immediatamente riconvertite per iniziare a produrre mascherine di tipo chirurgico per rispondere all’emergenza sanitaria. È il progetto avviato dal Dipartimento amministrazione penitenziaria del ministero della Giustizia.

Oggi in videoconferenza il summit trilaterale fra il presidente turco Recep Erdogan, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron, per discutere della crisi dei profughi siriani e della situazione in Siria.

Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha affidato l’incarico di formare il governo al leader di Blu-Bianco Benny Gantz che ha accettato. Il premier in pectore ha dichiarato che il nuovo governo servirà «per curare la società israeliana sia dal coronavirus sia dal virus dell’odio».

L’autorità antitrust francese ha comminato una multa record da 1,1 miliardi di euro a Apple per comportamento anticompetitivo nei confronti dei suoi rivenditori retail. Apple avrebba agito per impedire ai riveneitori in Francia di competere sui prezzi abusando del proprio potere economico su di essi.

Re Felipe VI di Spagna ha interrotto ogni rapporto con il padre Juan Carlos e perciò ha rinunciato all’eredità. Il re emerito cesserà di percepire i 200 mila euro cui ha diritto in base al bilancio della casa reale. La vicenda dopo l’apertura di un’inchiesta su 100 milioni di euro che Juan Carlos avrebbe ricevuto dalla casa reale saudita.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa