Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ocse, scambio dati dal 2016

II leader del G-20 dicono sì al progetto Beps, accogliendo su tutta la linea le 15 raccomandazioni proposte dall’Ocse per mettere all’angolo l’elusione delle multinazionali. Il via libera definitivo è arrivato ieri al termine del meeting di Antalya, in Turchia, dove è stato ratificato il cronoprogramma messo a punto dall’organizzazione parigina.
Nei primi mesi del 2016 quest’ultima dovrà finalizzare la cornice operativa (framework) entro la quale i singoli legislatori potranno poi iniziare a mettere mano a norme e convenzioni. Si tratta di fatto della chiusura del cerchio, dal momento che erano stati proprio i leader del G-20 a dichiarare aperta la caccia ai paradisi fiscali nel meeting di Londra, svoltosi il 2 aprile 2009. Ed era stato sempre il G-20 a commissionare all’Ocse nel 2013 il pacchetto «Beps», acronimo di Base erosion and profit shifting (erosione di base imponibile e spostamento artificioso degli utili nei paesi a bassa tassazione).

Rispetto a cinque anni e mezzo fa lo scenario è radicalmente cambiato sia dal punto di vista culturale sia dal punto di vista operativo, con il segreto bancario ormai crollato e uno sforzo globale verso la trasparenza. Resta ancora enorme, però, il buco di gettito causato dall’aggiramento delle norme fiscali da parte delle imprese con attività multinazionale. I disallineamenti legislativi ancora esistenti tra un’economia e l’altra consentono fenomeni di tax planning aggressivo, che portano gli utili delle «big» alla doppia non tassazione o a scontare un prelievo molto contenuto (talvolta inferiore al 5%). Un’elusione che, è stato ribadito ieri dal segretario generale dell’Ocse, Angel Gurria, sottrae alle casse erariali degli stati tra i 100 e i 240 miliardi di dollari ogni anno. Ossia tra il 4% e il 10% del gettito totale dei redditi d’impresa.

Le 15 «actions» di cui si compone il Beps puntano a regole uniformi e maggiore trasparenza sulle operazioni con l’estero: dalle stabili organizzazioni al transfer pricing, dalla tassazione dell’economia digitale all’abuso dei trattati, dallo stop agli arbitraggi sugli strumenti finanziari ibridi alla stretta sui regimi Cfc. Le circa 2 mila pagine che contengono le best practice non hanno però forza di legge, ma necessitano di essere recepite all’interno degli ordinamenti domestici e delle convenzioni contro le doppie imposizioni. A tale scopo l’Ocse ha da poco avviato il gruppo di lavoro sullo strumento multilaterale di modifica, che consentirà di intervenire su circa 3.500 trattati fiscali sottoscritti dagli stati senza ricorrere a negoziazioni one-to-one (si veda ItaliaOggi del 7 novembre scorso).

«Sollecitiamo fortemente la tempestiva attuazione del progetto e incoraggiamo tutti i paesi e giurisdizioni, compresi quelli in via di sviluppo, a partecipare», hanno affermato ieri i leader dei 20 stati più industrializzati del mondo in una nota congiunta. I quali hanno anche ribadito l’impegno a far partire lo scambio automatico di informazioni finanziarie su scala globale entro il biennio 2017-2018, secondo quanto previsto dal Common reporting standard dell’Ocse.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa