Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ocse: il Pil frena, Italia in coda ai big

di Elena Polidori

PARIGI – Ai ministri e ai governatori del G20, che da stasera a cena si riuniscono a Parigi, l´Ocse presenta nuovi, preoccupanti dati sulla congiuntura: la crisi morde ancora, questo il succo; l´Italia soffre più degli altri. Dal set di numeri elaborati da questi esperti viene fuori che, nel quarto trimestre 2010, rallenta l´agognata espansione economica: il Pil dell´area mette a segno solo un rialzo – il settimo consecutivo – ma solo dello 0,4% contro lo 0,6% dei tre mesi precedenti. In Italia la crescita è dello 0,1% (da 0,3%). Rispetto allo stesso periodo del 2009, tra le sette principali economie del mondo, l´Italia è quella che si espande meno (più 1,3%) mentre la Germania si guadagna il primo posto in questa classifica con un più 4%. «Per tornare a crescere dobbiano chiedere deroghe alle regole Ue», avverte il ministro Giulio Tremonti. «La Germania le ha avute». E calcola: senza il Sud, il Pil nazionale sarebbe più elevato. Angel Gurria, numero uno dell´Ocse, è convinto invece che il paese, per invertire la rotta, debba avviare specifiche «riforme strutturali, visto che non ci sono molti margini di bilancio». Due i terreni: educazione e innovazione. Gurria si augura che il piano allo studio del governo possa portare alla svolta. Ma è un augurio, appunto.
In termini trimestrali, l´economia tedesca nell´ultimo scorcio del 2010 si espande dello 0,4% dopo lo 0,7% precedente e la Francia resta stabile a quota 0,3%. Si contrae il Giappone (-0,3%). La Gran Bretagna accusa un meno 0,5%. Per l´Eurozona il rialzo è dello 0,2%. Si salvano gli Stati uniti con un più 0,8% (da 0,6).
Nel complesso dei paesi Ocse, il rialzo è del 2,7% sullo stesso periodo del 2009. A Parigi l´Italia è rappresentata da Tremonti, atteso appunto stasera, e dal governatore Mario Draghi che è già arrivato e partecipa come presidente del Financial Stability Board, l´organismo anti-crisi voluto dal G20, ad un convegno a porte chiuse del think-tank Eurofi. In un articolo pubblicato da una newsletter interna, il responsabile della Banca d´Italia avverte che la crisi ha reso necessario aiutare le banche troppo grandi per fallire, too big to fail, in gergo. Questo sostegno però «ha rinforzato l´azzardo morale in modo significativo». Ora bisogna mettere a punto meccanismi che consentano di «passare attraverso un fallimento, senza danneggiare la stabilità finanziaria e senza il sostegno dei contribuenti». Un´altra questione, cara a Tremonti, per la prima volta sul tavolo del G20, riguarda i guasti del sistema bancario ombra, o shadow banking, il cui giro d´affari è pari a quello del circuito ufficiale: 60 miliardi di dollari, si calcola. L´Fsb vuole regolamentare tutta l´attività finanziaria che oggi sfugge alle norme di vigilanza. A Parigi i big sperano pure in una intesa sugli squilibri tra paesi in surplus e quelli in debito. Nelle pieghe del summit si parlerà anche della candidatura di Draghi per la presidenza della Bce. «E´ una scelta che spicca. La Merkel lo sostenga», esorta l´Economist. Anche il governo Sarkozy dovrebbe appoggiarlo perché «è il miglior candidato», secondo l´economista francese Paul Fitoussi. Il giornale tedesco Die Zeit definisce Draghi «tutt´altro che inaffidabile».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«A questo punto ci sono le condizioni per le aggregazioni, nel mondo bancario: la tempistica non è...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Delta non rilancia su Alitalia. La compagnia Usa ribadisce il suo interesse per quella italiana, con...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una svolta se non necessaria certo opportuna, ma senza dubbio costosa. Perché il conto delle impres...

Oggi sulla stampa