Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuovo rinvio sul salvataggio delle banche spagnole

BRUXELLES — A tarda sera, nell’Eurogruppo ancora in alto mare, c’è forse all’orizzonte un accordo sullo scudo anti-spread. E sarebbe già moltissimo, almeno per l’Italia. Perché poco prima ha parlato chiaro Olli Rehn, che è il commissario europeo agli Affari economici: «Sono ancora tutti da definire», aveva detto, i vincoli di quello scudo. Cioè del meccanismo che Italia, Francia e Spagna hanno definito come «urgente», «necessario», non più prorogabile. «La questione del giorno», secondo il ministro dell’Economia francese Pierre Moscovici. La misura anti-crisi più importante fra quelle in discussione qui a Bruxelles. Ma anche la più delicata. Al vertice dei capi di Stato e di governo della Ue, il 29 giugno, sembrava già una cosa fatta, o quasi: un impiego più «flessibile ed efficace» dei fondi salva Stato Efsf o Esm (800 miliardi), per permettere loro di comprare sul mercato primario o secondario i titoli di Stato più fragili e a rischio, quelli dei Paesi aggrediti dalla speculazione. E così facendo, di limitare la scalata del loro spread, il differenziale di rendimento rispetto agli omologhi titoli di Stato tedeschi.
Sembrava già una cosa fatta, o quasi: ma ieri, dopo ore di negoziato, si è capito che forse troppi sono gli interessi in gioco. A notte, un dispaccio dell’agenzia Ansa cita «fonti italiane» secondo cui il confronto sugli spread «è andato bene»: si annunciano «dettagli in più» rispetto alle decisioni prese nel vertice europeo di giugno, ma probabilmente non si è ancora al traguardo finale. Molte cose sembrano rinviate all’Eurogruppo straordinario del 20 luglio, con un traguardo forse più probabile ormai slittato (fonti francesi) a dicembre. Ma «dicembre» significherebbe lasciar aperto il pozzo dell’emergenza immediata, della guerriglia sui mercati, e infatti c’è già chi mormora di un possibile altro appuntamento straordinario entro l’estate.
A meno di colpi di scena sempre possibili, la diffidenza della Germania e dei suoi alleati nordici come Finlandia e Olanda potrebbe aver avuto la prevalenza: prima di muoversi, continuano a ripetere, ci vuole una cintura di sicurezza, cioè un sistema di sorveglianza bancaria rafforzata e centralizzata, possibilmente nelle mani della Banca centrale europea. Proprio questo era il punto numero due al centro dell’incontro dei ministri finanziari della zona euro. E anche questo tema, a tarda sera, era ancora sospeso per aria, nonostante un forte appello lanciato dal presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi. «It will be a long night», sarà una lunga notte, assicurava a quell’ora uno dei consiglieri. Anche in questo caso, ha dunque vinto la diffidenza, ha prevalso chi diffida: la Germania continua infatti a chiedere una «vera» unione economica e politica, basata su un’unione bancaria come primo presupposto.
Senza l’unione bancaria, non c’è la sorveglianza centralizzata. E senza la sorveglianza, non c’è l’unione: il gatto chiamato Euro si morde la coda. Delle richieste tedesche e «nordiche», poi, esistono versioni differenti, e il negoziato notturno non ha fatto molto per chiarirle. E su questo scoglio, si è incagliato anche il terzo tema forte dell’Eurogruppo, cioè il salvataggio-ricapitalizzione delle banche spagnole, un affare sui 100 miliardi. Si è incagliato, sempre per le stesse ragioni: l’Europa, che chiede fiducia al resto del mondo, non riesce proprio a fidarsi di se stessa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa