Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuovo piano industriale Ilva verso un calo degli obiettivi

«L’accordo tra pubblico e privato, incluso il piano industriale, è molto dettagliato. Io non posso che rispettarlo». Così Lucia Morselli, amministratore delegato di Acciaierie d’Italia, in un’intervista di inizio agosto. In dieci anni come “lady di ferro” (da Ast Terni alla poltrona di ad della ex Ilva), Morselli ha rilasciato pochissime dichiarazioni pubbliche. Le sue parole, dunque, pesano. Eppure il piano industriale di Acciaierie d’Italia al quale fa riferimento, verrà presto riscritto. Inevitabilmente, visto che dalla fine del 2020 quando sancì l’accordo governo- Mittal e poi gennaio quando venne presentato ai sindacati, di acqua sotto i ponti ne è passata molta. Troppa. In termini di congiuntura siderurgica, di “vita” dello stabilimento, di relazioni industriali e di equilibri tra azionisti.Entro settembre si riunirà il consiglio d’amministrazione della holding che controlla l’azienda: per la prima volta al tavolo ci saranno i rappresentanti del socio pubblico e si metterà mano ad un nuovo piano industriale. Un reset condiviso dalla stessa Morselli che, conoscendo bene le dinamiche dei mercati dell’acciaio, è consapevole della necessità di adeguare le linee di indirizzo concordate a suo tempo tra il gruppo franco-indiano ArcelorMittal e Invitalia (socio pubblico con il 38% del capitale e il 50% dei diritti di voto di Acciaierie d’Italia, quote destinate a trasformarsi in maggioranza entro maggio prossimo. Se non prima nell’idea del governo).«Tempistica, quantità e qualità», riferiscono fonti vicine al dossier, sono i tre versanti sui quali si ripenserà il progetto, mentre resta invariata la filosofia di fondo della strategia di rilancio del gigante siderurgico italiano: vale a dire la transizione green che punta alla graduale decarbonizzazione dell’impianto di Taranto, prendendo le mosse da una prima fase “ibrida” con il mix tra altoforni e forni elettrici. Nessun dubbio, dunque, sul rispetto dei piani ambientali già avviati, a cominciare dalla copertura dei parchi minerali realizzata fin qui per il 90% circa.Il progetto industriale originario prevede un target di 5 milioni di tonnellate di acciaio quest’anno, 6 nel 2022 e nel 2023, 7 nel 2024 e 8, a regime, nel 2025 (di cui 2,5 da forni elettrici). Parallelo il calendario degli investimenti: 310 milioni quest’anno, 422 nel 2022, poi 433 nel 2023, 427 nel 2024 e infine 300 nel 2025. Considerando l’attuale livello produttivo (tra i 3 e i 4 milioni di tonnellate), gli effetti della pandemia, lo status degli impianti e le tensioni giudiziarie e sociali che hanno frenato l’iter di nascita dell’alleanza pubblico-privata, difficilmente gli obiettivi potranno essere confermati. Quantomeno nella loro tempistica.Necessaria, inoltre, una ridefinizione dei mercati di sbocco della produzione: l’Italia ha un fabbisogno di quasi 7 milioni di tonnellate di acciai piani (il core business della ex Ilva), ma la domanda è diversificata tra automotive, elettrodomestici, cantieristica navale, costruzioni; quindi andrà stabilita una precisa declinazione degli investimenti. Legati a stretto giro ai livelli produttivi sono anche i perimetri occupazionali: il piano originario prevede il riassorbimento dell’intera forza lavoro del gruppo (10.700 operai tra Taranto e Genova) con il raggiungimento degli 8 milioni di tonnellate di acciaio: un eventuale allungamento dei tempi o, addirittura, un ridimensionamento degli obiettivi metterebbe in discussione questo risultato, anche se incrociando gli ammortizzatori sociali previsti nel quinquennio e possibili spostamenti interni agli impianti, il rischio di esuberi potrebbe essere scongiurato.«L’Ilva non è in stallo – assicura il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti – . Il governo e l’amministratore delegato stanno lavorando congiuntamente ad un piano. Resto prudentemente ottimista sul fatto che nell’arco di poco tempo i nuovi amministratori dell’azienda presentino un piano credibile per il rilancio dell’acciaieria in modo ambientalmente sostenibile». La palla passa a Lucia Morselli e al presidente Franco Bernabè .

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«C’è da sfamare il mondo, cercando allo stesso tempo di non distruggerlo». A margine dell’Op...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bollette, il governo conferma l’intervento straordinario da 3 miliardi per limitare l’aumento r...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non arriva come un fulmine a ciel sereno: da mesi in Parlamento si parla di entrare in aula con il ...

Oggi sulla stampa