Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuovi fondi alle imprese sicure

Via libera al bando Isi 2020 per i finanziamenti della sicurezza sul lavoro. L’avviso dell’Inail è stato pubblicato ieri sulla gazzetta ufficiale n. 297/2020 e indica in 211.226.450 euro i fondi a disposizione delle imprese, con eccezione di quelle agricole (destinatarie dello specifico bando Isi agricoltura 2019/20, pubblicato il 6 luglio), e anche degli enti del terzo settore. Quattro gli assi di finanziamenti (uno in meno di quest’anno, quello agricolo), mentre le date di apertura e chiusura della procedura informatica, in tutte le fasi di presentazione delle domande, saranno rese note sul portale dell’Inail, nella sezione dedicata all’avviso Isi 2020, entro il prossimo 26 febbraio.

Bando Isi 2020. Gli incentivi sono previsti dall’art. 11 del T.U. sicurezza lavoro (il dlgs n. 81/2008), che affida all’Inail il compito di finanziare con proprie risorse progetti d’investimento e formazione sulla sicurezza lavoro, in particolare a favore di piccole, medie e micro imprese. Il bando Isi 2020 mette in palio, come accennato, 211.226.450 euro per finanziamenti a fondo perduto, fino a esaurimento, ripartiti sui singoli avvisi regionali/provinciali (pubblicati sul sito dell’Inail).

Destinatari. Destinatarie dei finanziamenti sono le aziende, anche individuali, iscritte alla camera di commercio, con esclusione delle micro e piccole imprese dell’agricoltura primaria, alle quali è stato riservato il bando Isi «Agricoltura 2019-2020», pubblicato lo scorso 6 luglio 2020 (si veda ItaliaOggi del 7 luglio). È stata confermata, inoltre, la possibilità per gli enti del terzo settore di accedere ai fondi del secondo asse, dedicato ai progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi.

Assi e progetti. Quattro gli assi di finanziamento (si veda tabella), con i seguenti progetti finanziabili:

• di investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (asse finanziamento 1);

• per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (asse finanziamento 2);

• di bonifica da materiali contenenti amianto (asse finanziamento 3);

• per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (asse finanziamento 4).

L’importo del finanziamento. Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ammissibili al netto dell’Iva nelle seguenti misure:

• 65% per gli assi 1, 2, 3 e 4 con i seguenti limiti: assi 1, 2, 3 fino a massimo 130 mila euro e con minimo ammissibile di 5 mila euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo;

• asse 4 fino a massimo 50 mila euro e finanziamento minimo di 2 mila euro.

La domanda. La domanda va presentata in modalità telematica e successiva conferma (clickday). Sul sito dell’Inail, sezione ACCEDI AI SERVIZI ONLINE, le imprese avranno a disposizione la procedura informatica che consentirà d’inserire la domanda. Date di apertura e chiusura della procedura informatica, in tutte le fasi, saranno pubblicate sul portale Inail entro il 26 febbraio 2021.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa