Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuove regole per farmacie, notai e mutui casa

di Paolo Foschi

ROMA — Carburanti, mutui, professioni. È in dirittura d'arrivo il primo decreto del governo Monti per le liberalizzazioni. E intanto i tassisti sono già in strada a protestare. Ieri i titolari delle auto bianche hanno manifestato contro l'ipotesi di rilascio di nuove licenze: all'aeroporto di Linate per un'ora si sono rifiutati di caricare i clienti. A Bologna nella mattinata, a piazza Maggiore, si era tenuto un presidio cui hanno partecipato centinaia di tassisti. E già protestano anche altre categorie: farmacisti, commercianti, petrolieri, professionisti.
Il governo però vuole andare avanti. Ieri, intervenendo a Porta a Porta, Antonio Catricalà, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha confermato l'accelerazione: «Contiamo di chiudere entro il 20 gennaio, vogliamo fare un provvedimento di urgenza, un decreto, per portarlo il 23 in Europa. Ma vogliamo che i partiti si esprimano». E, ancora: «Il documento che io e Monti stiamo assemblando riguarda tutti i settori, dall'energia ai trasporti fino ai servizi bancari. Non solo taxi e farmacie. Limitare l'intervento solo a questi sarebbe assurdo».
Catricalà ha anticipato che nel decreto sono previste «molte più farmacie. Si tratta di consentire ai cittadini di avere i giusti sconti. Anche sui notai è previsto un aumento della pianta organica particolarmente rilevante». Inoltre, sarà affrontata la questione dell'acqua. «Il referendum ci impedisce un intervento diretto con le stesse modalità, ma anche sull'acqua pensiamo di fare delle modifiche». Infine, sulle ferrovie «ci sono strutture e situazioni che avvantaggiano il monopolista pubblico».
Dopo la liberalizzazione degli orari del commercio, comincia dunque la fase due. Il nuovo decreto secondo le indiscrezioni conterrà una sorta di cronoprogramma e segnerà le tappe del percorso dei prossimi mesi. Ma ci saranno anche alcune misure che avranno ricadute concrete nell'immediato. Sui carburanti il governo sta mettendo a punto varie ipotesi contro il caro-benzina: l'allargamento delle licenze per trasformare i distributori in piccoli supermarket della strada; e misure per agevolare la diffusione di pompe multimarca e indipendenti per aggirare l'oligopolio delle grandi compagnie. Interventi immediati sono attesi anche per professioni, farmacie, taxi e soprattutto servizi bancari. Per tentare di abbattere le spese per i mutui (troppo alte in rapporto al costo effettivo del denaro) si pensa di vietare la vendita abbinata di polizze assicurative, norma che potrebbe essere accompagnata da altre misure «a tutela dei clienti».
Stamane, per fissare le linee sulle liberalizzazioni, Angelo Alfano riunirà i vertici del Pdl a via dell'Umiltà. Pierluigi Bersani, segretario del Pd, invece invita Monti ad «avere coraggio. I commercianti hanno già dato tanto, adesso chi deve dare sono le professioni, le banche, le compagnie petrolifere e tanti altri».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa