Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuove patenti, cambia pure l’esame

È pronto per la pubblicazione in gazzetta il decreto ministeriale che rinnova lo svolgimento delle esercitazioni e delle prove per il conseguimento delle patenti per guidare quadricicli a motore, auto, auto con roulotte (B1 e B, anche speciale, e BE in conformità al dlgs 2/2013).

Lo ha comunicato il Ministero dei trasporti con la circolare n. 2190 del 24 gennaio. Per quanto concerne l’esame di teoria, una volta superata la prova il candidato consegue un foglio rosa, per esercitarsi alla guida su veicoli conformi alle caratteristiche prescritte per le patenti di categoria B1 o B. Per conseguire la patente di categoria BE, devono essere distinte due fasi: la fase transitoria nella quale il candidato consegue il foglio rosa all’esito positivo di una prova orale integrativa e la fase a regime in cui il candidato, che non è tenuto a sostenere la prova teorica, ottiene il foglio rosa al momento della presentazione dell’istanza. Per quanto riguarda le esercitazioni ai fini del conseguimento della patente di categoria B1, il candidato che ha superato la prova teorica consegue un’autorizzazione valida sei mesi. La prova pratica di guida non può essere sostenuta prima che sia trascorso un mese dalla data di rilascio del foglio rosa. Nessuna novità per le esercitazioni finalizzate a ottenere la categoria B. Da evidenziare che la disciplina relativa alla guida autorizzata del minore (le cui ore di guida con istruttore di autoscuola autorizzato e abilitato valgono ai sensi dell’art. 122, comma 5-bis) è applicabile anche ai titolari di patente di categoria B1. Con riferimento alla prova pratica, il titolare di una patente di categoria B che intende conseguire l’abilitazione per la guida di un complesso di veicoli composto da una motrice di categoria B e da un rimorchio di massa massima autorizzata superiore 750 kg, tale che la massa massima autorizzata di tale complesso superi i 3500 kg, ma non i 4250 kg, deve sostenere una prova di guida differente su tale complesso di veicoli. Su tale patente viene riportato il codice unionale 96. La prova pratica per il conseguimento della patente di categoria BE si svolge su un complesso di veicoli composto da una motrice di categoria B e un rimorchio con massa limite di almeno 1000 kg. Il complesso, di massa massima autorizzata superiore a 4250 kg ma non superiore a 7000 kg, deve essere capace di sviluppare una velocità di almeno 100 km/h. Il rimorchio deve essere presentato con un minimo di 800 kg di massa totale effettiva. Ai sensi della legge di stabilità 228/2012, fino al 29 giugno 2013, per le patenti di categoria BE, non si applicano le disposizioni relative alla massa effettiva. Infine, la circolare del 24 gennaio evidenzia che il decreto ministeriale detta alcune disposizioni transitorie. L’idoneità alla prova di teoria, conseguita entro il 18 gennaio, è utile ad accedere alla prova di guida dal 19 gennaio, mentre la prenotazione a una seduta di esame di teoria o di guida, effettuata entro la data del 18 gennaio 2013, è valida quale prenotazione a una seduta in data successiva.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa