Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuove norme Ue sulla protezione dei dati multe aumentate fino a 100 milioni di euro

Mentre la Francia è scossa dalle ennesime rivelazioni sulle attività di spionaggio americano a danno dei suoi cittadini, il Parlamento europeo ha dato ieri un primo sì alla nuova normativa sulla protezione dati proposta dalla Commissione europea, rendendo ancora più pesanti le sanzioni per chi rivelasse informazioni personali sui cittadini dell’Unione.
«C’è un nesso tra le due cose — spiega la portavoce della commissaria alla Giustizia e alle libertà civili — perché l’Unione europea non ha competenze dirette in materia di attività dei servizi segreti, e di tutela delle sovranità nazionali. Ma può invece intervenire sullaprotezione dati. E molto spesso sono proprio le informazioni personali riguardanti cittadini della Ue, custodite sul “cloud” o su server basati al di fuori del territorio europeo, che vengono consegnate alle autorità di altri Paesi». Della questione si occuperà anche il vertice europeo dei capi di governo che si riunisce a Bruxelles giovedì e venerdì prossimi, dove il presidente francese Hollande intende insistere sulla necessità che l’Unione si doti di una forte struttura per la protezione dati.
Il problema è noto e discusso da tempo. Molti server di società che immagazzinanoinformazioni sugli utenti europei sono basati negli Stati Uniti. Ma, secondo la legislazione americana, le autorità federalipossono, per motivi riguardanti l’interesse o la sicurezza nazionale, esigere che questi dati in mano a società private vengano consegnati alle agenziedel governo Usa. Anche se già l’attuale normativa europea si oppone all’utilizzo dei dati dei suoi cittadini, le società americane finora non hanno avuto esitazioni ad ottemperare alla legge Usa.
La nuova normativa europea proposta dalla Commissione intende aumentare di molto le sanzioni che Bruxelles potrà comminare a società, anche americane, che non tutelino i dati dei cittadini europei in loro possesso. Si passa da un massimo di 600mila euro a un prelievo che, secondo la Commissione, potrà arrivare fino al 2 per cento del fatturato della societàinteressata. Ieri il Parlamento ha ulteriormente inasprito le ammende portandole fino a un massimo di 100 milioni di euro o al 5 per cento del fatturato annuo. La questione sarà discussa anche nel quadro del negoziato in corso con gli Stati Uniti per la creazione di una zona di libero scambio Ue-Usa.
Le vere e proprie attività di spionaggio diretto, come quelle della National Security Agency americana denunciate da Snowden, non rientrano invece nella sfera di competenza comunitaria. E su questo la Commissione, che ha pure appreso di aver avuto microspie nei suoi uffici di rappresentanza a Washington, in realtà non ha alcun potere per intervenire.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa