Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nuova gelata per i prestiti bancari ed è ancora record di sofferenze

ROMA — Calano i prestiti, cala la raccolta e aumentano le sofferenze. La crisi economica fa saltare i bilanci di imprese e famiglie che con sempre maggiore difficoltà riescono a onorare i debiti con le banche. Ormai le sofferenze lorde – il totale dei crediti incagliati e di quelli di dubbia riscossione – hanno raggiunto quota 155,9 miliardi: ai livelli massimi dal 1999 e in aumento di 31 miliardi rispetto alla fine del 2012.
Lo segnala l’ultimo bollettino mensile dell’Abi che fa notare come il rapporto fra sofferenze lorde e impieghi, alla fine del 2013, sia passato all’8,1 per cento. Un anno prima era fermo al 6,3 e ai “bei tempi” pre-crisi, alla fine del 2007, non andava oltre il 2,7 per cento. Il totale degli «affidati in sofferenza» supera il milione e 200 mila, di cui la stragrande maggioranza (piccoli operatori economici e imprese in primis) ha debiti che non riesce a onorare per cifre inferiori ai 125 mila euro. Ma oltre all’aumento delle sofferenze, a scompigliare i bilanci degli istituti di credito e soprattutto delle aziende c’è la morsa del credit crunch. Rispetto ad un anno prima, i prestiti delle banche hanno segnato un meno 3, 9 per cento. Un andamento, assicura l’Abi, che va di pari passo con l’evoluzione negativa del Pil e degli investimenti, ma che certo non facilita il rilancio dell’economia. Ne è risultato un aumento, pur se contenuto, del costo del denaro: a gennaio il tasso medio sui prestiti alle imprese è rimasto fermo a 3,47 per cento, ma quello medio sui nuovi mutui casa è balzato al 3,54 per cento contro il 3,42 di dicembre.
Va detto che la crisi colpisce anche la raccolta, soprattutto quella a medio-lungo periodo.
Secondo le stime dell’Abi, il calo è stato dell’1,92 per cento annuo (meno 1,85 in dicembre). Alla crescita della raccolta a breve (depositi) pari al 2,19 per cento ha fatto da contraltare il netto calo delle obbligazioni bancarie. A gennaio fanno segnare il calo peggiore degli ultimi due anni: meno 10,4 per cento annuo a 512 miliardi con una contrazione di circa 60 miliardi rispetto al gennaio del 2013. Complessivamente in un anno la raccolta da clientela in Italia è calata di oltre 33 miliardi. «Sono dati problematici ha commentato il presidente dell’Abi Antonio Patuelli – con crediti deteriorati e 5 anni e mezzo di crisi economica che si scaricano sulle imprese in difficoltà e sui lavoratori». L’Abi accusa: «Le banche si sono assunte questi elementi di criticità senza che lo Stato abbia contribuito, anzi ha incrementato la pressione fiscale sulle banche».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa